22 marzo 2019

Acantocefali

acantocefali

Il phylum degli Acantocefali (Acanthocephala, dal greco akantha = spina e kephalé = capo) è composto da circa 1000 specie di animali vermiformi.

Tutti endoparassiti, gli Acantocefali hanno una lunghezza variabile da pochi millimetri al metro, sono privi di tubo digerente come i Cestodi (una classe di Platelminti) e presentano una proboscide retrattile posta nella parte anteriore del corpo, sulla quale si trovano delle spine retrocurve che hanno la funzione di fissare il parassita alle superfici interne dell’ospite.


Allo stadio larvale e giovanile si incistano nella cavità generale di crostacei e insetti, da adulti si trovano nel tubo digerente dei vertebrati, compreso l’uomo.

In genere le malattie parassitarie causate dagli Acantocefali sono un problema per gli allevamenti di pesci: se un Acantocefalo viene ingerito da un Pesce, si attacca con la proboscide alla parete intestinale di questo, producendo centinaia di individui e causando quindi gravissimi danni alla parete intestinale dell’ospite.

Nell’uomo, invece, non sono state riscontrate infezioni causate da questi parassiti.

Article Tags

Related Posts