22 gennaio 2019

Anche io lo voglio!

anche io lo voglio

Nel 2011 è ormai difficile immaginare come sarebbe la vita senza il telefono cellulare, eppure fino a qualche anno fa esistevano pochi “esemplari” e pochi fortunati possessori. Tutto ciò fa capire quanto noi consumatori, dipendiamo molto da ciò che gli altri ci impongono o semplicemente ci consigliano di fare o non fare, di dire o non dire, tale ipotesi ci ha permesso così di ricavare la domanda di mercato come somma algebrica delle domande individuali. Ma è evidente che per alcuni beni la domanda di un consumatore dipende anche da quella degli altri e, in particolare, dal numero di altri consumatori che acquistano lo stesso bene: in tal caso si parla di esternalità di rete.



Nel mondo della tecnologia ad esempio, questa particolare situazione si semplifica nel cosiddetto effetto traino; cioè il desiderio di possedere qualcosa solo perché tutti ce l’hanno. Riuscendo a sfruttare al meglio tale effetto, si genera infatti un meccanismo per cui le strategie di marketing e pubblicitarie sono tutte concentrate su questa particolare situazione.

D’altro canto, il processo di adozione di una tecnologia ha comunque luogo nel tempo e non in un singolo istante, ecco perché è bene non fidarsi subito del primo spot di un nuovo tablet o di un nuovo televisore.

La scelta e la conseguente decisione d’acquisto deve quindi, essere valutata e ponderata tenendo conto delle (più o meno numerose) variabili, altrimenti si corre il rischio di comprare sicuramente un articolo di nuovissima generazione, ma ingannati dal prezzo o addirittura dal colore o dalla forma, si acquista qualcosa che purtroppo, è destinata al rapido declassamento; si pensi per esempio, all’uscita in Italia nell’estate del 2008 dell’iPhone, dopo qualche tempo quella versione, così reclamizzata, era già un pezzo di storia della tecnologia.

Article Tags

Related Posts