20 settembre 2018

Coppa Italia: doppio Cavani, Inter KO. Il Napoli accede alla semifinale dove incontra il Siena corsaro al Bentegodi: se i toscani arrivano in finale volano in Europa League!

timcup6

Napoli – Inter  2 – 0

Il Napoli si impone al San Paolo con una doppietta del matador, l’ Inter campione in carica saluta il torneo.

Un primo tempo non esaltante vede il Napoli, che con il trio delle meraviglie Hamsik – Lavezzi – Cavani e Zuniga sulla sinistra, gioca meglio dell’ Inter ma non riesce mai a sfondare. Nei nerazzurri out Lucio e Pazzini, in avanti Snejder affianca Milito, ma in una posizione troppo avanzata non entra mai in partita, anzi si innervosisce commettendo un fallaccio su Gargano, non visto dall’arbitro, e viene comunque ammonito per gioco non regolamentare. Ammonito anche Chivu per un fallo tattico.

Nel secondo tempo Ranieri lascia negli spogliatoi Obi per Alvarez piazzandolo accanto a Snejder dietro Milito. L’ Inter sembra accelerare, ma è il Napoli a passare in vantaggio. Thiago Motta, all’ultima partita nell’ Inter con in testa già la Tour Eiffel, perde ingenuamente palla al limite dell’area e sgambetta Cavani all’altezza del dischetto. Rigore ineccepibile trasformato dal Matador, 1-0 e partita che da piatta si accende. L’ Inter accelera e reclama un rigore: palla in avanti per Milito che cade in area toccato da Maggio. Il rigore poteva starci, Milito protesta e si becca il giallo. Il Napoli resta attento e seppur lasciando il pallino agli avversari regge l’urto, anche grazie ad Alvarez che solo davanti a De Santis appoggia la palla al portiere avversario. Dal trentesimo via alle sostituzioni: nel Napoli dentro Pandev per Lavezzi e Dzemaili per Inler, nell’Inter dentro Zarate per un disastroso Thiago Motta. L’ Inter si butta in avanti alla disperata ricerca del pareggio, ma spreca tutte le mezze occasioni che si procura. In pieno recupero il Napoli riparte in contropiede in sei contro tre, Cavani entra in area, salta Ranocchia, evita l’uscita di Castellazzi e sigla il 2-0. Fine dei giochi e San Paolo in delirio. Il Napoli incontrerà in semifinale il Siena, l’ Inter abbandona la manifestazione che l’ha vista vincitrice negli ultimi due anni, e non la vedeva fuori dalle semifinale da 8 edizioni. Che sia arrivata la stagione da zeru tituli?


Chievo Verona – Siena  0 – 1

In uno stadio Bentegodi semivuoto, con una temperatura prossima allo zero, Chievo Verona – Siena, è la partita che consegna una delle due alla storia, non avendo nessuno dei sue club mai raggiunto le semifinali di Coppa Italia, alla fine saranno i toscani a festeggiare. Le formazioni sono rimaneggiate con l’assenza di molti titolari in entrambe le compagini, perchè la storia è importante ma è il futuro che conta, e rimanere in Serie A è un dovere al quale non si può rinunciare. Primo tempo noioso e senza alcuna emozione con il Chievo che attua un più possesso palla, ma niente di più. Secondo tempo ritmi identici al primo. Fino al quinto l’unica emozione è l’ammonizione  a Parravicini del Siena per gioco scorretto. Al settimo Sannino si gioca una doppia sostituzione: Mannini per Terzi, e Destro per Gonzalez. Due minuti e subito gol dell’ex primavera dell’ Inter: corner prolungato in area di testa da Gazzi, e puntuale sul secondo palo Destro insacca sempre di testa. E’ il vantaggio senese. Il Chievo è costretto a farsi avanti e ci prova tentando di alzare il ritmo, ma la squadra di Di Carlo non decolla. Al 16° Grossi del Siena, si becca un rosso diretto per un fallo a palla lontana. Il Chievo ora con un uomo in più sente che può pareggiare. Subito dopo un giallo per Vacek per gioco scorretto, gli scaligeri mandano in campo Paloschi per Morero. Sannino corre ai ripari rinfoltendo il centrocampo con l’ingresso di Bolzoni per Belmonte. Il Chievo spinge ma non riesce mai ad essere davvero pericoloso, anche l’ingresso di Bradley per Mandelli non cambia la situazione, anzi è Destro ad andare vicino alla doppietta personale. L’ultima sostituzione è l’ingresso di Kirilov per Hetemaj ma il forcing non si concretizza e il Siena regge. E’ 0 – 1 e Siena che scrive la sua storia. Ora in semifinale affronterà il Napoli, che se passerà il turno di Champion’s potrebbe arrivare all’appuntamento col Siena con troppi impegni, e chissà che i Sannino boys non riescano nel miracolo.

 

Article Tags

Related Posts