22 marzo 2019

Ctenofori

ctenofori

Gli Ctenofori sono pesci pelagici molto simili ai Celenterati, infatti fino a poco tempo fa venivano classificati con questa classe i organismi.

In effetti, gli Ctenofori si distinguono dalle meduse per l’assenza di cnidociti e la presenza (sui tentacoli) di cellule adesive (colloblasti) dotate di un filamento spinale che si estroflette e aderisce alla preda.


Gli Ctenofori hanno forma ovoidale o nastriforme, sono trasparenti, iridescenti o bioluminescenti. Per muoversi, usano 8 serie simmetriche di palette o lamelle vibratili disposte come i denti di un pettine: il loro nome deriva proprio da queste strutture (in greco, ctenos = pettine).

Al phylum degli Ctenofori appartengono due Classi:

Nudi (o Atentacolati): sono organismi planctonici privi di tentacoli, hanno un corpo a sacco e un grande apparato boccale capace di ingoiare piccoli pesci.

Atentacolati

Tentacolati: formano la classe con più specie. Sono caratterizzati da due lunghi tentacoli, e comprendono specie planctoniche e bentoniche. Hormiphora plumosa è una specie rappresentativa del Mediterraneo.

Hormiphora plumosa

Article Tags

Related Posts