24 aprile 2019

Lifestyle: dai "clic" allo "splash"

Dicembre è da sempre il mese dedicato ai regali e allo shopping, anche in momenti complessi come questi il Natale porta con sé non solo gioia e aspettative (soprattutto per i più piccoli), ma anche una dose di creatività e voglia di fare. Tra le varie proposte più o meno stravaganti per un regalo possiamo sempre riciclare i nostri “vecchi” computer trasformandoli in acquari: l’idea può sembrare assurda e anche molto costosa invece, con poco più di 100 euro ci si realizza un’ opera davvero straordinaria.

 Negli Stati Uniti sono ormai oggetti di culto – come scritto dalla rivista Wired – soprattutto tra i nuovi e giovani manager di Wall Street, che cercano di emulare uno stile di vita originale come quello dello scomparso Steve Jobs, ma in realtà farsi un pc-acquario non è molto difficile e né troppo dispendioso. Infatti in internet proliferano siti dedicati a questa nuova mania, proponendo kit per la realizzazione fai-da-te oppure pc-acquari già pronti per l’uso. Tra i modelli più richiesti e più venduti c’è sicuramente l’iMac, il primo computer di design accattivante che ha sicuramente sdrammatizzato la vecchia immagine e idea di computer classico, giocando con colori fluo e molto trendy.


Da questa nuova moda si capisce che ormai qualsiasi oggetto può diventare di culto, riuscendo a interpretare le nuove esigenze e i nuovi gusti dei consumatori/clienti. L’acquario, per esempio, da passatempo è in tale modo diventato uno straordinario complemento d’arredo che riesce a creare una nuova atmosfera in casa e non solo.


Article Tags

Related Posts