22 gennaio 2019

Taenia Solium: il ciclo vitale del verme solitario

verme-intestinale

Come le altre specie di questa classe, anche la taenia solium, meglio conosciuta come verme solitario, ha il corpo diviso in proglottidi, in ognuna delle quali si trova un apparato riproduttivo completo. Queste sezioni del corpo si trovano in una zona di accrescimento posta dietro al capo (o scolice). Anche se la tenia è ermafrodita, nelle singole proglottidi non si ha un’autofecondazione: il verme, si torce su se stesso, l’organo copulatore (o cirro) di un segmento si introduce nella vagina di un altro segmento. In fine raggiunta la parte distale del verme, le proglottidi piene di uova fecondate si staccano e vengono espulse con le feci, liberandosi nell’ambiente.


Se vengono ingerite da un maiale, una volta raggiunto lo stomaco, liberano le uova che danno embrioni dotati di uncini (larva esacanta o oncosfera): questi passano nel sangue per giungere giungono nei muscoli dell’ospite dove si incistano, cioè formano una vescicola di circa 15 mm di diametro contenente un piccolo scolice (cisticerco). Quando la carne infetta viene mangiata, il cisticerco libera nello stomaco dell’ospite un piccolo scolice destinato ad ancorarsi alla parete intestinale, a nutrirsi di cibo predigerito e a riprodursi.

Article Tags

Related Posts