Genova. E’ il 20 maggio 1973… è questa la data cui ci trasporta, con un un tuffo nel passato, il canuto tifoso blucerchiato con cui stiamo chiacchierando al bar, come si usava una volta…

Flashback… ha la radiolina incollata all’orecchio, sintonizzata su “Tutto il calcio minuto per minuto”, con le voci di Roberto Bortoluzzi, Enrico Ameri, Sandro Ciotti ed il genovese Alfredo Provenzali, a dettare i tempi degli interventi, in una domenica che passerà alla storia, per i milanisti, come la “fatal Verona” (per colpa di un clamoroso 3-5 subito, all’ultima giornata, dai ragazzi del “Paron” Rocco)…

Le tensioni del nostro amico, tuttavia, più che allo scudetto, sono legate alla lotta per non retrocedere…

Ternana e Palermo sono già spacciate, mentre per il terzo sgradito posto, le maggiori indiziate sono Sampdoria e Vicenza, che giocano in trasferta, rispettivamente contro Torino e Atalanta.

Cacciatori, Santin, Rossinelli, Arnuzzo, Prini, Lippi, Salvi, Lodetti, Petrini (Villa), Boni, Badiani, sono gli uomini che Heriberto Herrera (il mister del “movimiento”) sceglie per giocarsi la salvezza, contro i granata di Gustavo Giagnoni

Il baratro della Serie B si apre sotto i piedi di tutti i tifosi blucerchiati, quando al 56°, da Bergamo, giunge la notizia che gli atalantini (due punti sopra e quindi inconsciamente fuori pericolo), lasciano il semaforo verde alla salvezza dei vicentini…

Ventidue minuti in ‘tranche’, per mezza Genova, ad ascoltare l’alternarsi delle notizie in arrivo dai campi collegati… sognando ad occhi aperti quanto sta succedendo sul campo granata, spingendo all’attacco, con la fantasia, tutto il Doria… alla ricerca del “miracolo”…   che arriva al 78°…

“Scusa Ameri, intervengo dal Comunale di Torino, Loris Boni, con una serpentina in area, ha portato in vantaggio la Sampdoria”.

Eureka, salvi, perché per l’Atalanta non c’è più tempo per la rimonta e se anche ci riuscisse sarebbero i vicentini di Ettore Puricelli a scendere in cadetteria al suo posto…

Che emozioni hanno regalato, per anni, le voci di quei mitici radiocronisti, creando eroi, per  l’immaginario dei tifosi…  Ecco,  Loris Boni, il ‘ragazzo’ comprato un anno prima dalla Solbiatese e lanciato in Serie A, a soli 19 anni, è uno i questi…

Mentre sorseggia il caffè, il nostro amico blucerchiato, ci racconta che quel giorno era occasionalmente a Milano, in una bar della Galleria Duomo, ad ascoltare la ‘Radio’, rimpiangendo di non essere stato invece a Genova, mentre esplodeva la festa, scatenata da quella rete di Loris Boni, che divenne – da allora – un idolo incontrastato, legato indissolubilmente ai colori della Sampdoria…

Cresciuto alla scuola di Luisito Suarez, Giovanni Lodetti, Gianfranco Bedin e Marcello Lippi, dimostrandosi un mediano con eccellenti qualità agonistiche, capace di supportare il gioco sia nella fase di contenimento sia in quella propulsiva, Boni ha messo nel suo palmarès pochi goal (5 in 99 partite col Doria), ma oltre a quello appena citato, anche un altro fatto a San Siro, in un fantasmagorico 4-4, contro l’Inter, che lo ha eletto fra i “grandi” della Sampdoria,  meritevole di una “figurina” speciale nell’album dei ricordi blucerchiati…

In anni in cui i tifosi non avevano accortezza del problema pluslavenze, il suo trasferimento alla Roma, nell’estate del ’75, fu una boccata di ossigeno per la Sampdoria, che incassò cifre da capogiro ed assegnò la sua maglia numero 8, a costo zero, ad un altro cursore di belle speranze, Paolo Tuttino, reduce da esperienze in prestito a Modena, Savona e Novese

Nils Liedholm (che pensa dapprima di trasformarlo in ala) ed uno scontro di gioco fortuito, con Giorgio Chinaglia, in un derby della capitale, frenano la sua ascesa romana… ma questa è un’altra storia… a noi interessa il Boni blucerchiato…

Buon compleanno, Loris!

Della stessa serie “Album dei ricordi blucerchiati”:

Eddie Firmani, il “tacchino freddo”

Gaudenzio Bernasconi, l’orsacchiotto

Bruno Mora, l’ala perfetta

Ernst Ocwirk, il faro del Prater

NackaSkoglund, il re del tunnel

Tito Cucchiaroni, una leggenda nella storia della Samp

Sergio Brighenti, il cannoniere

Jorge Toro, dalle Ande agli Appennini Liguri

José Ricardo“China” da Silva, il goleador brasileiro

Giancarlo Salvi, il “golden boy” di Dego

Ermanno Cristin, il “Nordahlino” di Marassi

Roberto Vieri, la fantasia al potere

Mario Frustalupi, il piccolo grande” regista

Luisito Suárez, “El arquitecto” dei primi anni ’70

Giovanni Lodetti, da “basleta” a “baciccia”

Luca Vialli, il bomber

Trevor Francis, “the striker”

GraemeSouness, “Charlie Champagne”

ToninhoCerezo, samba scudetto

Attilio Lombardo, il “Popeye”

SreckoKatanec, la gazzella slovena

Fausto Pari, una vita da mediano

Giovanni Invernizzi, la classe operaia in paradiso

AlekseiMikhailichenko, la stella dell’Est

Walter Zenga, l’uomo ragno

Valter Alfredo Novellino

Ruud Gullit , “Cervo che esce di foresta”

SebastiánVerón, “La Brujita”

Alessandro “il conquistatore” Scanziani

Enrico Nicolini, il Netzer di Quezzi

The post Album dei ricordi blucerchiati, Loris Boni, il “baffo” col numero 8 appeared first on Genova24.it.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like