biblioteca albino

Chiunque abbia a cuore le sorti civili e culturali di questa regione non può rimanere indifferente dinanzi al grido di dolore di un intellettuale di valore come Vincenzo Lombardi che sulla rivista Il Bene Comune ha pubblicato un suo scritto dall’amarissimo titolo “In memoria della biblioteca provinciale Pasquale Albino”.

Chiusa da oltre quattro anni, l’indimenticabile istituzione del Capoluogo, tempio di scoperte, apprendimenti e raccoglimenti, vantava un patrimonio documentario cartaceo e digitale cui afferivano 18 biblioteche molisane e teche digitali contenenti circa 90.000 immagini fra periodici molisani e manoscritti musicali.

Lombardi, che ne è stato l’anima e lo strenuo difensore, racconta fasi, colpe e responsabilità politiche e burocratiche che hanno portato alla liquidazione della sua creatura. “Tutto – scrive – è avvenuto nell’assordante silenzio, quasi totale, delle istituzioni locali soprattutto di quelle titolate a farlo; del mondo dell’università a cui la Biblioteca ha fatto da supporto nella ricerca molisana; di quasi tutte le istituzioni e associazioni culturali, che per anni hanno trovato ospitalità presso la Biblioteca; dei molti intellettuali, molisani e campobassani, soprattutto quelli giovani ed emergenti, che in parte non hanno voluto, in parte non hanno potuto farlo. Isolata è restata la voce di tanti singoli utenti, locali e non, che non si sono mai rassegnati a quanto accaduto. Sembra incredibile, o forse no, ma è avvenuto”.

Ce n’è insomma per tutti. Sono addebiti che investono corresponsabilità pesanti per un’intera collettività dimostratasi incapace di vigilare sul “crimine” culturale che si perpetrava ai suoi danni.

Quello che si è costruito negli ultimi vent’anni, lamenta Lombardi, è ormai quasi tutto distrutto e anche se la biblioteca si riaprirà come istituto statale non sarà più la biblioteca di servizio che interpreta il ruolo di pubblic library, di sportello di servizio pubblico di base e di spazio democratico aperto a tutti, ricercatori, intellettuali, studenti, lettori occasionali e seriali, con l’ambizione di creare reti di relazioni culturali e far crescere propensioni alla lettura dei grandi e dei piccoli, come il progetto Nati per leggere mirato a costruire reti catalografiche, repository digitali, pubblicazioni e materiali digitalizzati per sviluppare un ambiente culturale regionale.

Spetterà ora al MiBACT la responsabilità operativa di ridisegnare un ruolo ed una mission della Biblioteca nel contesto culturale regionale, ma è illusorio, afferma Lombardi, pensare che la Regione Molise e il Comune di Campobasso possano restare estranee ad una sua ripartenza.

Facciamo dunque nostro questo appello affinché la riapertura della Biblioteca riceva finalmente una forte e ferma risposta collettiva.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like