(ANSA-AFP) – VADO HONDO, 16 GEN – Circa novemila migranti honduregni sono entrati in Guatemala forzando il confine con la speranza di raggiungere gli Stati Uniti e un gruppo di circa 3.500 persone si è scontrato con la polizia, dopo aver percorso circa 50 chilometri all’interno del Paese.

Decine di poliziotti e soldati erano schierati a un posto di blocco nella città di Vado Hondo, nel dipartimento di Chiquimula. Alcuni hanno forzato il passaggio del cordone di polizia prima di essere intercettati, secondo il servizio migratorio locale che ha nuovamente chiesto loro documenti e test Covid.

Il direttore generale delle Migrazioni, Guillermo Diaz, ha chiesto loro di tornare nel loro Paese e ha messo a disposizione camion e autobus per accompagnarli al confine. E ha assicurato all’emittente TN23 che d’ora in poi il sistema di polizia sarà “rafforzato”. Un nuovo ingresso illegale, come avvenuto al confine, non “accadrà più”, ha detto, “non potranno passare”.

La carovana era entrata nel Paese tra venerdì sera e sabato mattina al posto di frontiera di El Florido, 220 chilometri a est della capitale guatemalteca. Alla polizia era stato ordinato di lasciar passare i migranti, tra cui c’erano molte famiglie con bambini. (ANSA-AFP).

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like