Avere più tempo a disposizione per poter produrre le osservazioni atte a scongiurare la collocazione del deposito nazionale di scorie radioattive nei territorio di Puglia e Basilicata e istituire un gruppo congiunto di lavoro tra le due regioni. A chiedere la proroga del termine ultimo per la presentazione delle obiezioni, sono stati gli undici sindaci dei comuni pugliesi e lucani, i cui territorio sono stati idonei dalla Cnapi, la carta dei potenziali siti destinati ad ospitare il deposito nazionale di scorie radioattive. In seguito all’incontro è stato prodotto un documento da sottoporre ai…Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like