Catanzaro-Palermo

Identico l’obiettivo, differente il valore che acquisterebbe il centrarlo. Il Catanzaro vuole vincere per ripartire ed archiviare così la sconfitta shock di mercoledì scorso contro la Casertana, il Palermo invece per non fermarsi ed aggiungere altri tre punti alla propria classifica dopo i sei consecutivi raccolti contro Bisceglie e Turris. Sarà sfida d’altri tempi quella di domani al “Barbera” – calcio d’inizio ore 12.30 – ma anche di lunghi coltelli tra due club dal nobile blasone, entrambi un po’ attardati oggi rispetto alle previsioni estive, forse all’ultima chiamata per dare un senso alla propria stagione.

QUI GIALLOROSSI – Un bivio importante per il Catanzaro che dalla Sicilia imboccherà la via – già definita «decisiva» dal diggì Foresti – degli scontri diretti contro altre formazioni in griglia playoff. Si dovrà fare a meno dello squalificato Scognamillo e dell’infortunato Contessa: le contromisure studiate da Calabro dovrebbero essere l’inserimento di Gatti nel trio arretrato e la conferma di Porcino sul lato mancino. Davanti è ballottaggio tra Curiale ed Evacuo con il primo – appannato nell’ultimo turno –

QUI ROSANERO – Serena e d’entusiasmo la vigilia in casa Palermo. I siciliani dovranno rinunciare a Valente, Odjer e Doda ma recuperano per la gara Almici e Santana. «Fondamentale vincere» ha detto il tecnico nella conferenza stampa pre gara. E al di là del «banco di prova impegnativo» il clima nello spogliatoio sembra quello giusto. «Sento qualcosa di positivo, una consapevolezza nuova – ha confermato Boscaglia – I tre punti in punti in palio sono importanti ed il fatto di giocare contro una squadra matura e con tanti elementi di categoria superiore deve esaltarci. Sicuramente faremo un grandissimo match». Dubbio tra l’ex Kanoute e Floriano per completare il reparto avanzato già composto da Lucca e Rauti; l’altra scelta per Boscaglia è in mediana tra Martin e il recuperato Santana.

NUMERI – “Barbera” stregato per le aquile che nei precedenti delle stagioni passate non sono mai riuscite ad andare oltre il pareggio. Dell’aprile ’86 l’incrocio più recente terminato 1-0 per i rosanero; l’ultimo punto raccolto dai giallorossi risale invece al gennaio ’78 (1-1). Fischietto al signor Di Graci di Como, alla prima direzione con il Catanzaro; Meocci, Micaroni e Frascaro gli assistenti.

PALERMO (4-3-3): Pelagotti; Accardi, Somma, Marconi, Crivello; Martin, De Rose, Luperini; Rauti, Lucca, Kanoute. All. Boscaglia.

CATANZARO (3-4-1-2) : Di Gennaro; Fazio, Martinelli, Gatti; Casoli, Corapi, Risolo, Porcino; Carlini; Evacuo, Di Massimo. All. Calabro.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like