SANLURI . Pur con qualche difficoltà organizzativa iniziale, la macchina dei vaccini anti Covid agli over 80 del Medio Campidano ha preso a girare a pieno regime per una “due giorni” di somministrazione che dovrebbero vedere vaccinati entro questo pomeriggio fra i 3.500 e i 3.700 anziani con età superiore agli 80 anni. Il dato provvisorio dei test antigenici rapidi eseguiti nelle 47 postazioni dei 28 comuni è di 12.356 tamponi, con il superamento del target della giornata fissato a 12mila test. Somministrate a cittadini ultra ottantenni 1.202 dosi dei sieri Pfizer e Moderna.

Intanto l’assessorato regionale alla Sanità annuncia il “Programma operativo di vaccinazione anti Covid 19”. I punti vaccinali saranno fissi e temporanei, riservando questi ultimi prevalentemente alla fase 4. La vaccinazione di tutta la popolazione della Sardegna over 16 anni dovrebbe essere completata entro il mese di agosto, le somministrazioni per gli over 80 (115mila persone) dovrebbero andare a pieno regime dal primo marzo per i nati fino al 1936 e dal 15 marzo per i nati dal 1937 al 1941.

Gli ultraottantenni non potranno aderire al programma vaccinale prima delle date previste per la propria fascia di età. Sarà attivata una campagna di sensibilizzazione che, a partire dal primo marzo, prevederà l’invio di un sms per invitare il cittadino a manifestare la volontà di aderire alla campagna vaccinale. Sulla base di questa adesione si procederà a prenotare gli aderenti che saranno contattati dalle segreterie Cup per comunicare la data ed il luogo della somministrazione del vaccino. Per gli over 80 che non hanno avuto la possibilità di aderire o per coloro che hanno necessità della somministrazione a domicilio, saranno disponibili dal primo aprile altri canali di contatto: sportelli Cup che verranno progressivamente attivati e implementati in fasce orarie specifiche; chiamata diretta da parte delle segreterie Cup; prenotazione telefonica attraverso il numero unico 1533, in fasce orarie dedicate, attivo anche il sabato e la domenica. Per la somministrazione a domicilio potrebbero essere coinvolte le Usca e i medici di medicina generale.

Intanto ieri i primi ultraottantenni sono stati vaccinati nel Medio Campidano, contestualmente allo screening di massa “Sardi e Sicuri” che interessa i residenti nei 28 comuni del Medio Campidano. Tutto il territorio si è mobilitato per screening e vaccini, con grande impegno e risposte straordinarie da parte della Assl di Sanluri, dei sindaci, degli apparati comunali e delle associazioni locali di volontariato. Gli anziani hanno dovuto raggiungere le sei postazioni di vaccinazione: i poliambulatori di Sanluri, Guspini, Serramanna, San Gavino, Lunamatrona e la Casa della Salute di Villacidro, con orari 8,30-12,30 e 14-18,30.

La partenza, ieri mattina, è stata in salita per problemi organizzativi e logistici, come ha ammesso anche il commissario della Assl di Sanluri, Alessandro Baccoli. Non è stato semplice avvisare tutti gli over 80 e dare loro le debite istruzioni pervenute dalla Ats. Appena due giorni prima ai sindaci sono stati comunicati gli elenchi, ma con soli nome e cognome, degli anziani da sottoporre a vaccino e rintracciare tutti in così breve tempo non è stato facile. Hanno provveduto con grande abnegazione gli operatori della protezione civile, barracelli, volontari del 118, i pochi agenti di polizia municipale operativi in ciascun comune e i dipendenti comunali a contattare e consegnare agli anziani l’avviso di presentazione per il vaccino. Poi ieri mattina alle 8,30 sono cominciate le file d’attesa davanti ai poliambulatori. Ma poi tutto ha preso a marciare con regolarità.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like