Studenti

In seguito alla sottoscrizione del Protocollo di intesa tra Parole O-Stili e il Comitato Paritetico Ufficio Scolastico Regionale e Consigliera Regionale di Parità, da settembre 2021 partirà in Basilicata un percorso per supportare i docenti e gli studenti nell’insegnamento dell’educazione civica e digitale, a partire dai dieci principi del Manifesto della comunicazione non ostile che, per la trasversalità dei contenuti che affronta, si presta a favorire una riflessione e approfondimenti in ambito civico, volti anche alla promozione della parità di genere ed al contrasto di stereotipi e pregiudizi. Ne dà comunicazione la Consigliera regionale di parità, Ivana Pipponzi.

Il percorso -spiega Pipponzi- coprirà tutti gli ordini e gradi scolastici, partendo dalla scuola primaria e arrivando alla classe quinta della scuola secondaria di secondo grado. Rivolge l’attenzione anche verso i temi della sostenibilità, nelle sue differenti accezioni e della Costituzione. Il percorso sarà declinato in maniera specifica in base al tipo di indirizzo scolastico con contenuti modulabili e customizzabili a seconda delle esigenze di approfondimento. L’iniziativa prevede il coinvolgimento delle studentesse e degli studenti e dei docenti.

Per le ragazze e per i ragazzi, il progetto si svilupperà attraverso il lavoro con gli insegnanti dove saranno affrontate le tematiche relative all’educazione civica e digitale e saranno sviluppati liberamente progetti specifici. Per gli insegnanti, invece verranno proposti incontri formativi online di supporto al progetto di cittadinanza civica e digitale e uno sportello di supporto. La partecipazione è aperta a tutti gli insegnanti della regione Basilicata, e avrà l’obiettivo di incidere attivamente sul processo di educazione culturale per contrastare l’odio on line.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like