NUORO. Assoluzione per non aver commesso il fatto. Lo ha deciso il Gup del tribunale di Nuoro Claudio Cozzella, al termine del processo che si è svolto con rito abbreviato, nei confronti di Albino Sella, il 34enne di Mamoiada accusato del tentato omicidio di Antonio Deiana allora 30enne, avvenuto il 3 gennaio del 2016. Il Pm Andrea Ghironi al termine della sua requisitoria, la scorsa udienza, aveva chiesto 10 anni di carcere per Sella, richiesta alla quale si è unito l’avvocato dei Deiana, Gianluigi Mastio.

Per la pubblica accusa e per la parte civile, Sella aveva un movente preciso per uccidere: Antonio Deiana era stato condannato a 1 anno e 8 mesi per favoreggiamento nel processo per l’omicidio di Danilo Sella, fratello di Albino, – per il quale è stato condannato definitivamente a 18 anni Marcello Gungui – e si sarebbe vendicato.

Gli elementi del castello accusatorio sono stati contestati stamattina nell’arringa di Francesco Lai difensore dell’imputato: «Albino Sella ha avuto tanti anni per vendicarsi dell’omicidio del fratello che è avvenuto nel 2008, non è plausibile che lo abbia fatto due mesi dopo la sentenza di primo grado che ha condannato Deiana, quando tutti avrebbero sospettato di lui – ha sottolineato l’avvocato – È vero che a Sella è stato trovato il fucile usato per il tentato omicidio, ma uno spietato assassino avrebbe fatto sparire tutto ed è la prova che Sella non conosceva la provenienza dell’arma». La parte civile aspetta di leggere le motivazioni della sentenza per un eventuale ricorso in appello. (ANSA).

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like