Croce Rossa ospedale da campo container San Timoteo

 Tanto rumore per nulla e altro tempo perso a litigare, discutere, firmare e controfirmare carte per il Ministero. Il centro covid al Vietri di Larino non si farà: il progetto è sfumato definitivamente questa sera, al termine del nuovo vertice tra i tre soggetti coinvolti. Regione Molise, Asrem e struttura commissariale sembrano convergere sul fatto che la pandemia, nella fase critica in cui è arrivata in Molise e con una richiesta giornaliera di ricoveri doppia rispetto solo a qualche settimana fa, non concede la possibilità di allestire il Vietri in tempo per rivelarsi utile alla causa. In soldoni: non c’è tempo.

Giustini, al quale spetta l’onere di attuare le linee di indirizzo e che dunque rappresenta la parte “operativa” ha nuovamente cambiato idea, o forse ceduto davanti agli ostacoli – oggettivi – in campo. Pur con il nulla osta del ministro Speranza in mano, ottenuto giovedì scorso nell’incontro romano. Stavolta non è questione di burocrazia ma di “tempi tecnici” per allestire un ospedale e dotarlo di monitori, caschi, sistemi di ventilazione, personale. Non sarebbe questione di una settimana ma ne occorrerebbero – pare – almeno tre. E quindi bye bye centro covid a Larino, si ripiega sulla soluzione che finora era stata relegata in fondo alla lista ma che oggi sembra aver trovato piena concretezza: l’ospedale da campo.

I tir della Croce Rossa sono arrivati al San Timoteo, hanno scaricato il materiale e domattina – martedì – avrà inizio l’allestimento delle tre tende, per un totale di 24 posti che verosimilmente saranno riservati a degenti covid per cure a bassa o media intensità. Anche se una certezza nemmeno in questo caso esiste, visto che la decisione sul destino dell’ospedale militare (sarà covid o sarà per degenza ordinaria?) lo dovrà stabilire la Asrem, sentiti i medici.

I vertici molisani, in ogni caso, sono giunti alla decisione di  incrementare i posti letto semintensivi  utilizzando quelli messi a disposizione dal Gemelli Molise (20) con attrezzature e personale di Neuromed (sollecitato a fornirli ora che non ci sono più incertezze) e altri 24 posti letti dell’ ospedale da campo della CRI. Posti utili per curare i paucisintomautici, però. Le Terapie Intensive rimangono un problema, anzi: il problema.

 Quelle di Termoli non si possono usare perché sono dedicate alle patologie extra-covid e si sa come funziona: se metti un paziente covid in una rianimazione no covid di fatto monopolizzi l’intero reparto per la cura contro il virus. E d’altronde occupare tutte le Terapie Intensive degli ospedali pubblici molisani per il covid equivale a far collassare il sistema sanitario di base: se un cittadino ha un aneurisma, un ictus, un problema cardiaco grave, dove va?

I tre posti di Intensiva covid del San Timoteo, i 2 posti di intensiva covid del Veneziale e i 9 posti di intensiva covid della Torre nell’ex hospice accanto al Cardarelli (cioè i 14 posti che Asrem e commissario dovevano attivare prima della fase 5, vale a dire del disco rosso)  esistono solo sulla carta. E sulle carte mandate a Roma la scorsa estate. Insomma: non ci sono perché i lavori non sono mai iniziati, l’adeguamento strutturale dei reparti non è nemmeno partito. Intanto il Cardarelli scoppia: oggi i pazienti intubati hanno sfiorato il numero record dei 17 con l’attivazione di tre respiratori polmonari nel blocco operatorio. Non resta che sperare nella Rianimazione mobile. 

Corsa contro il tempo per la Rianimazione mobile: al Cardarelli lavori nel vivo per nuovi moduli e posti letto

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like