Raffaele Ranucci, politico ed imprenditore, ha commentato i progetti ambiziosi per lo Stadio della Roma

Raffaele Ranucci, politico ed imprenditore, è stato intervistato per le colonne del Corriere dello Sport per commentare la questione relativa allo Stadio della Roma. Ecco le sue parole:

AMBIZIONI – «I piani ambiziosi devono essere proporzionati alle necessità e alla fattibilità. Con Viola nel 1986 proponemmo uno stadio prima alla Magliana, poi alla Romanina. Viola vedeva molto lontano e capiva che un impianto costituiva la patrimonializzazione di una società, uno strumento per competere a livello nazionale e internazionale. Vale ancora oggi».

DOVE REALIZZARLO – «Dalla Magliana alla Romanina, Tor Vergata che in realtà è un’area pubblica, le zone adatte esistono. Inoltre l’intero settore del Flaminio, magari per altri scopi, va recuperato. Comune, Regione e imprenditore si siedono a un tavolo e scelgono. I permessi in un anno, in altri due la costruzione. Gli stadi vanno fatti, a una sola condizione: che si facciano davvero».


Leggi su Lazionews24.com

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like