Ospedale Cardarelli Campobasso

2 morti e 9 nuovi ricoveri. Ma ci sono anche 5 trasferimenti tra cui 4 nella Terapia Intensiva del Neuromed. I contagi calano rispetto a ieri, 55 su 712 tamponi per un tasso di positività del 7.7% (ieri era del 9.3%). Oggi ci sono anche 88 guariti.

AGNONE PIANGE IL PROF ROSATO, ADDIO ANCHE A UN ANZIANO DI CASTROPIGNANO
Sale nuovamente e tocca quota 375 il numero dei decessi per covid-19 in Molise. Nelle ultime 24 ore l’azienda sanitaria regionale del Molise ha certificato due nuove vittime dell’epidemia, vale a dire un uomo di 81 anni di Castropignano che era ricoverato nel reparto di Malattie infettive del Cardarelli di Campobasso e un 70enne di Agnone che ha perso la vita nel reparto di Terapia intensiva dell’istituto Neuromed di Pozzilli. Scossa la comunità di Agnone per quest’ultimo decesso. Si tratta infatti del professor Sabatino Rosato, personaggio conosciuto e apprezzato sia nel mondo dell’insegnamento che della politica.

 

9 RICOVERI E 5 TRASFERIMENTI. LE TERAPIE INTENSIVE ‘SCOPPIANO’

9 nuovi ricoveri di pazienti col Covid. Un numero sempre molto alto che si accompagna ad un altro numero che dà contezza della gravità della situazione: quello dei trasferimenti, specie in Rianimazione. Oggi 5 pazienti sono stati trasferiti, tutti al Neuromed di Pozzilli. Di questi 4 sono andati ad ingrossare le fila della Rianimazione che anche lì inizia ad essere occupata oltremisura. Sono 8 infatti i pazienti in Terapia Intensiva nell’Istituto laddove i posti messi a disposizione erano 7 (+5 in sub-intensiva). In particolare sono stati trasferiti pazienti provenienti dal Cardarelli e originari di Santa Croce di Magliano, Termoli (3) e Trivento.
Aumentano anche i posti letto occupati anche al San Timoteo e in Malattie Infettive del Cardarelli. In quest’ultimo reparto nelle ultime 24 ore sono stati portati altri 4 pazienti (di Bitonto, Fossalto, San Martino e Termoli). Al San Timoteo altresì sono sempre più i pazienti con sintomatologia da Covid che necessitano di cure ospedaliere: oggi ne sono arrivati altri 5 provenienti da Bonefro, Colletorto, Santa Croce di Magliano e Termoli. Una situazione sempre più difficile, come vi abbiamo raccontato proprio oggi.

Malati in attesa in ambulanza, medici e infermieri allo stremo. Anche i posti sono finiti, ma i trasferimenti sono impossibili

OLTRE 120 RICOVERATI, GLI OSPEDALI MOLISANI SEMPRE Più IN SOFFERENZA
Numeri che salgono in tutte le strutture sanitarie ormai coinvolte nella gestione dell’emergenza Covid. Al Cardarelli, l’unica struttura che doveva essere deputata alla cura dei pazienti Covid, ce ne sono 82: 69 in Malattie Infettive e ben 13 in Terapia Intensiva, dunque ben oltre il limite. Il San Timoteo ormai è stato trasformato in ospedale Covid e al momento, stando a quanto riporta il bollettino Asrem, ci sono nell’area grigia del Pronto Soccorso 18 pazienti, che però aumentano di ora in ora. Il Gemelli Molise ha occupati 9 di letti messi a disposizione. E si riempie sempre più il Neuromed che al momento conta 8 ricoveri in Terapia intensiva (+4 solo oggi) nonostante ne avesse messi a disposizione 7. Ci sono poi 4 pazienti in terapia sub intensiva e anche lì siamo al limite perché la struttura di Pozzilli ne ha messi a disposizione 5. In totale sono 121 i pazienti Covid nelle 4 strutture citate.

NUOVI CONTAGI, IL VIRUS CONTINUA A CIRCOLARE A TERMOLI NONOSTANTE UN MESE DI ZONA ROSSA
È ancora Termoli a pari merito con Campobasso la località molisana che fa registrare il numero più alto di positivi al coronavirus Sars-Cov2. Sono infatti 9 i nuovi contagi sia nella città adriatica che nel capoluogo di regione. Insieme le due città sommano un terzo dei 55 nuovi casi rilevati su un totale di 712 tamponi refertati, per un tasso di positività del 7,7%.
Sebbene non altissimi, i numeri di Termoli oggi testimoniano ancora una volta come il virus continui a circolare con una certa facilità nonostante le restrizioni della zona rossa siano attive da quasi un mese.
È chiaro che il numero dei contagi ancora alto nella principale città del Basso Molise si ripercuote poi negli accessi all’ospedale San Timoteo, dove ormai non ci sono più posti per malati covid. Una buona notizia in questo senso è invece l’attivazione di una nuova Usca per il Basso Molise che si spera possa prevenire nuove ospedalizzazioni nei prossimi giorni.
Fra le altre località che fanno segnare numeri di rilievo oggi ci sono Campomarino, nuovamente con 5 positivi, così come Limosano e Trivento. Infine quasi nessun caso emerge dall’Alto Molise.

Lotta al Covid a domicilio, raddoppiano le Usca del Basso Molise: dopo Larino attivata una a Termoli

24 GUARITI OGGI A TERMOLI
In compenso Termoli primeggia anche nella classifica delle nuove guarigioni, 24 su un totale di 88 certificate oggi. Altri numeri importanti in tema guariti arrivano da Larino con 9, poi Santa Croce di Magliano con 8. Sono cinque le guarigioni accertate a Campomarino, San Giuliano di Puglia e Ururi. Dall’inizio dell’epidemia 8.810 persone sono guarite dal coronavirus in Molise.

I DATI NAZIONALI

Sono 20.884 i contagi accertati nelle ultime 24 ore in Italia dal Ministero della Salute a fronte di 358.884 test (tamponi molecolari e antigenici) effettuati, con un tasso di positività del 5.8%. Vicina dunque la soglia di 3 milioni di contagiati dall’inizio della pandemia nel nostro Paese. Ieri erano stati rilevati 17.083 contagi a fronte di 335.983 test e il tasso era pari al 5,1%. Le vittime oggi sono 347 mentre ieri erano state 343.

Ancora in crescita i ricoveri in terapia intensiva, oggi di 84 unità (ieri +38). E salgono, di 193 unità, anche quelli nei reparti Covid ordinari (ieri +458).

È attivo il canale Telegram di Primonumero.it. Unisciti al nostro Canale per essere sempre aggiornato sulle news.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like