COMUNE

Anche l’amministrazione comunale aderisce alla manifestazione “Un fiore per Emanuela”, organizzata in occasione della festa della donna, lunedì 8 marzo, dai sindacati di Polizia Siulp e Fsp della provincia di Catanzaro.

L’iniziativa è stata ideata per commemorare Emanuela Loi, l’agente della Polizia di Stato deceduta a Palermo, nella strage di via D’Amelio, il 19 luglio 1992, ma anche per omaggiare tutte le donne della Polizia di Stato e delle altre forze dell’ordine.

Il presidente del Consiglio comunale Marco Polimeni, e i sindacalisti Giuseppe Brugnano e Gianfranco Morabito, hanno eseguito un sopralluogo in località Germaneto, dove insiste la strada intitolata a Emanuela Loi, nel corso del quale hanno verificato che il cartello che porta il nome della poliziotta sia stato sottratto.

“È un insulto alla memoria di Emanuela e un’offesa nei confronti dello Stato”, è stata la denuncia di Brugnano e Morabito, rispettivamente segretario nazionale Fsp e segretario provinciale del Siulp: “Un gesto raccapricciante che condanniamo senza se e senza ma. Lunedì mattina saremo presenti con maggiore senso di appartenenza allo Stato a Germaneto, un quartiere “difficile” per la presenza di cittadini di etnia rom nel quale vanno riportati i principi cardini della legalità e della giustizia”.

Alla manifestazione saranno presenti anche il Questore Mario Finocchiaro e altri rappresentanti istituzionali del territorio.

Polimeni, dal canto suo, ha sottolineato: “L’amministrazione comunale si è immediatamente adoperata per ripristinare la segnaletica per dare un segnale tempestivo e dovuto alla memoria di Emanuela Loi, una martire dello Stato, un esempio vero e prioritario per le nuove generazioni e per una Calabria che ha bisogno di cambiare”.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like