Sono terminate Sabato Santo, in Sala Consiliare, a tempo di record, le vaccinazioni in seconda dose Pfizer per gli anziani ultra ottantenni di Amendolara. Un importante risultato a favore di una nutrita fetta di popolazione (circa duecento persone) considerata, dal Sistema Sanitario, a rischio contagio. Soddisfazione espressa da parte del sindaco, Antonello Ciminelli e dell’assessore con delega alla Sanità, Prospero Scigliano, che hanno coordinato le operazioni in collaborazione con medici di base, Asp di Cosenza, dipendenti comunali e volontari della Protezione Civile Gruppo Lucano. Una organizzazione sinergica e collaudata ha permesso di concludere le operazioni vaccinali in anticipo rispetto ai tempi previsti.
Nel frattempo, dopo gli imperdonabili ritardi registrati in altri comuni dell’Alto Jonio, questa mattina una delegazione di sindaci si è recata presso gli uffici dell’Asp di Cosenza. E da questo pomeriggio si riprende a vaccinare, via via, in tutti i comuni che devono completare la seconda dose. Dopo gli over 80 resta da completare la vaccinazione per le categorie fragili. La speranza è che si possa procedere spediti a partire dalla prossima fascia d’età interessata e cioè dai 70 ai 79 anni. Al contempo è auspicale l’individuazione nei territori di ulteriori punti vaccinali, così come era previsto dai primi tavoli organizzativi di fine 2020 dove si sbandierava un punto vaccinale ogni 30.000 abitanti. E in tal senso, con molta probabilità, l’Alto Jonio potrebbe contare a breve sul punto vaccinale di Trebisacce presso l’ex ospedale e sul punto vaccinale di Rocca Imperiale, nel Poliambulatorio tra marina e paese.
Vincenzo La Camera

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like