“A scuola insieme”. E’ il nuovo progetto targato Comune di Castrovillari, approvato il 30 marzo scorso all’unanimità nel Consiglio comunale, che unisce l’Ente con la scuola e la famiglia, insieme per fronteggiare l’emergenza educativa che si sta consumando soprattutto a causa della pandemia. Ad illustrarlo è il presidente della Quarta Commissione consiliare, Carmine Vacca.

Il progetto prevede la nascita di un organo collegiale consultivo che si riunirà in modalità pubblica in Comune e che si propone dialoghi e confronti su: i servizi di  istruzione per gli alunni con handicap o in situazione di svantaggio; l’organizzazione degli edifici e l’utilizzo delle attrezzatture, all’occorrenza, di intesa con la Provincia per le scuole di sua competenza; azioni per realizzare le pari opportunità nell’istruzione; gli interventi integrati di prevenzione della dispersione scolastica ed educazione alla salute; le programmazioni di promozione culturale nel territorio; il ruolo delle scuole per progettare, realizzare e/o monitorare interventi nei settori delle politiche culturali, giovanili, dell’educazione permanente e ricreative; la dilatazione del tempo scolastico con soluzioni articolate in rapporto alle diverse richieste; l’ampliamento dei servizi di supporto offerti agli alunni e alle famiglie (tempo pre-scuola e post-scuola, servizio mensa, trasporto scolastico, gestione entrata e uscita da scuola in relazione al Covid-19); sostegni in favore delle famiglie in situazione di disagio culturale, sociale ed economico e per alunni con difficoltà di apprendimento, affettive e relazionali, naturalmente senza perdere di vista l’opportunità di intercettare fondi nazionali e/o regionali per lo sviluppo di progetti mirati e significativi per alunni, famiglie e territorio legati ad aspetti di crescita a cui può concorrere ogni altro argomento di interesse comune. Il regolaento prevede il coinvolgimento di figure istituzionali, proprie degli organismi scolastici e rappresentanti delle famiglie della scuola dell’Infanzia, della Primaria e della Secondaria di primo grado.

Soddisfatto, il sindaco, Mimmo Lo Polito, che ha inviato una lettera al Ministro dell’Istruzione per comunicare l’iniziativa pilota e, al momento, per quanto è dato sapere, unica in Calabria ed anche in Italia, sulle politiche scolastiche di interesse comunale, a tutela dei ragazzi, per aiutarli ad affrontare la realtà anche quando si presenta con il volto imprevedibile di un dramma globale come quello che stiamo vivendo.

«Un’occasione – affermano il primo cittadino e il presidente della Quarta Commissione – per affermare nuove forme di collaborazione, di dialogo e di comunicazione, interne ed esterne alla scuola, per una ripresa rigenerata delle attività che guardi l’esistente nella sua interezza attenzionando maggiormente il fenomeno della dispersione scolastica».

Federica Grisolia

 

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like