Gianni Pastella – Vivaio Dolomiti

Terna si è impegnata ad interrare le linee elettriche in Valbelluna, ma vogliamo vedere i documenti e i progetti. Questa storia in dieci anni, fra addendum C, progetti A e B, integrazioni spontanee, ministeri contrari, commissioni che si sostituiscono ai progettisti e mille bugie ha mostrato il lato peggiore delle progettazioni all’italiana. Vedremo cosa uscirà dal tavolo tecnico provinciale, ma carte alla mano.

Lo fa sapere l’Associazione Vivaio Dolomiti.

“Tutte le migliorie annunciate – prosegue la nota – le dobbiamo al Comune di Limana, che prima con l’amministrazione Favero e ora con l’amministrazione De Zanet non ha mai ceduto di un centimetro, dimostrando competenza e determinazione. Azione di cui ha beneficiato anche il Comune capoluogo.
Ci sarebbero ancora criticità nel progetto Rtn media valle del Piave, soprattutto a Ponte nelle Alpi e nella tratta fino a Perarolo di Cadore, ma qui gli amministratori si dicono felici e noi siamo orgogliosi di aver contribuito alla risoluzione di alcune problematiche esistenti su Castellavazzo, per le quali Terna ha progettato una variante all’intervento.

Soluzioni migliori ci sarebbero per tutti, visto che ormai è dimostrato che si possono interrare le reti e che soprattutto sono performanti. Ci hanno creduto pochi amministratori nel Bellunese, malgrado questo abbiamo proseguito per la nostra strada e l’impossibile (di Terna) potrebbe diventare realtà.

Dispiace per Ponte nelle Alpi, il paese che rimarrà più devastato da questa razionalizzazione, ma contenti loro…

Limana ha creduto ai propri cittadini e sta per ottenere un risultato storico. Belluno, malgrado l’opposizione del sindaco, ne è stato costretto.

Ricordiamo il ruolo determinante di alcuni esponenti di maggioranza a Palazzo Rosso, di tutte le minoranze di allora e la difficile scelta operata da Claudia Bettiol e Irma Visalli in contrapposizione con il loro stesso partito Pontalpino.
Ora vediamo, se son rose fioriranno. Altrimenti, come capitato in passato, qualcuno rimarrà solo con le spine.

Share

L’articolo Se son Rose fioriranno. L’Associazione Vivaio Dolomiti attende di vedere le carte proviene da Bellunopress – Dolomiti.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like