ROMA – Il governo prepara un piano per garantire isole covid-free sul modello della Grecia. A confermarlo, nel corso della partecipazione a Omnibus su La7, è il ministro del Turismo Massimo Garavaglia.

Nelle scorse settimane i sindaci delle piccole isole hanno scritto al commissario Francesco Paolo Figliuolo, chiedendo un piano vaccinale dedicato alle piccole isole, come ha in progetto di fare Atene. “La Grecia ha tante isole e per quello si sta muovendo in quella direzione, noi potremmo farlo. Il punto – ha risposto il ministro Garavaglia – è creare meccanismi per cui sia semplice circolare. La direzione mi sembra abbastanza chiara”.

Intanto come riporta Il Messaggero, il via libera ai sindaci è arrivato anche dal commissario Figliuolo che in una lettera ha assicurato che da fine aprile partirà la vaccinazione sulle isole, in modo da salvare la stagione estiva. In Campania, del resto, la Regione ha inserito Capri, Ischia e Procida in una lista prioritaria che consentirà di iniziare le vaccinazioni già da questo fine settimana.

IL SINDACO DI VENTOTENE: “LE PICCOLE ISOLE FREE SONO UNA VETRINA PER L’ITALIA”

L’idea di rendere le isole minori Covid-free “è assolutamente condivisibile. Ci fa piacere che si stia accelerando su questo fronte, anche perché altrimenti si rischia di far sparire i turisti stranieri che proprio per questo motivo vanno in Grecia. Invece le isole Covid-free rappresenterebbero uno stimolo in più per recarsi in Italia, sarebbero la vetrina della situazione sanitaria. Averle sarà un elemento di attrazione di tutto il Paese, alla pari delle isole greche che in questo senso sono state lungimiranti”, ha detto Gerardo Santomauro, sindaco di Ventotene, intervistato dall’agenzia Dire a proposito delle Isole minori Covid-free, idea avallata oggi anche dal ministro del Turismo, Massimo Garavaglia.

“Inoltre- ha detto ancora ilprimo cittadino della piccola isola laziale- sarebbe un risultato molto importante che si può ottenere con uno sforzo ridotto, perché i cittadini delle isole minori non sono così tanti”. A proposito della vaccinazione prioritaria per gli abitanti, già richiesta da alcuni sindaci isolani e messa in pratica dal governatore della Campania, Vincenzo De Luca, Santomauro ha spiegato che ancora “non abbiamo parlato con il presidente Zingaretti, ma segnali incoraggianti sono arrivati da altri componenti della Giunta, come l’assessora al Turismo, Valentina Corrado, nel corso di una riunione sulla programmazione della stagione balneare. L’assessora ha tenuto molto in considerazione le isole minori e sia io che ilsindaco di Ponza siamo molto grati per questo. Corrado ci ha anche preannunciato un incontro con Zingaretti e sono convinto che il presidente non mancherà di far arrivare presto il suo apporto proprio sui temi della sicurezza e della specificità delle isole. Certamente- ha detto ancora- lo farà in coordinamento con l’assessore D’Amato, ma mi sembra che dalla Regione ci sia attenzione”. Al momento, sul fronte vaccini i dati dell’isola di Ventotene “rispecchiano l’andamento nazionale, è stato vaccinato circa un quinto della popolazione”, ha precisato il sindaco.

L’ELBA SOGNA L’IMMUNITÀ GREGGE: “POSSIBILE A FINE MAGGIO”

“Dal punto di vista dell’immagine e della promozione sarebbe un segnale importante perché potremmo dire non di essere Covid-free, ma che su tutte le isole minori siamo prossimi all’immunità di gregge”, spiega alla Dire il sindaco di Portoferraio e presidente della conferenza dei sindaci dell’Elba, Angelo Zini, in merito all’iniziativa rilanciata dal ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, di una vaccinazione di massa nelle isole minori. L’operazione, oltre a replicare in Italia quanto già deciso in Grecia, si presenta fattibile in tempi rapidi vista la platea dei cittadini interessati.

Ad esempio nei sette comuni dell’isola d’Elba, fa sapere Zini, “la popolazione vaccinabile è di circa 25 mila persone, escludendo gli under 16. Se consideriamo quelli che sono già stati vaccinati, la quota scende a 20 mila persone oltre a qualche centinaio di lavoratori delle strutture turistiche”. L’idea di coprire in via prioritaria le popolazioni delle isole minori era stata avanzata già un mese fa dalla associazione nazionale di riferimento. Adesso, spiega il sindaco di Portoferraio, “oltre alla comunicazione del ministro Garavaglia attendiamo la stesura del protocollo, in modo da definire la parte operativa delle vaccinazioni. L’obiettivo è di arrivare a fine maggio con la campagna completamente eseguita. Se viene dato il via in questi giorni al testo, possiamo farcela”.

I sindaci dell’Elba, ma anche degli altri territori dell’arcipelago toscano, aspettano in particolare una nota del commissario straordinario all’emergenza Coronavirus, Francesco Figliuolo. I contatti in questo senso sono in corso tramite l’associazione che riunisce le isole minori. Il primo cittadino di Portoferraio conferma: “Stiamo attendendo la definizione ufficiale del programma. Per noi non si tratterebbe di un privilegio, ma di una variante della campagna di vaccinazione nei confronti di popolazioni abbastanza circoscritte e con una grande valenza per il turismo”.

L’articolo In Italia isole covid-free come in Grecia. Sì di Garavaglia e Figliuolo proviene da Dire.it.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like