scuola

Chi pensava a uno scherzo, si è subito ricreduto: cinque notebook sono spariti  dal plesso della  scuola primaria di Cropani. L’atto deplorevole si è consumato  almeno venti giorni fa, ma solo ieri la notizia del misfatto è stata resa pubblica.

Indescrivibile la delusione tra i piccoli alunni e tra gli operatori scolastici così come  unanime l’indignazione verso cleptomani che antepongono il loro bieco individualismo ai sogni dei bambini cropanesi: azione nefanda con ricadute pesanti  sulla didattica.

E’ triste e arrabbiata la dirigente scolastica Antonella Mercurio: “ Provo un grande dispiacere, pensando ai miei alunni: il danno è stato fatto a loro. I computer servono per utilizzare le lavagne multimediali e senza quei dispositivi non avremo più ambienti multimediali coinvolgenti e stimolanti. Sottrarre cose ai bambini è un gesto spregevole: restituite i 5 notebook per fare pace con la vostra coscienza, per rimediare a vostri gravi errori”.

Non lasceranno nulla di intentato le indagini della locale caserma dei Carabinieri, coordinata dal giovane maresciallo Giuseppe Tripaldi.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like