Nel corso di un anno anomalo, caratterizzato dalla diffusione del Coronavirus e dalle misure di contenimento che hanno di fatto proibito o fortemente limitato le attività ricreative e sportive in montagna e in grotta per diversi mesi, l’elaborazione dei dati sul lavoro del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese nel 2020 ha fornito risultati sorprendenti: 2.146 … Leggi tutto L’articolo…

Per il contenuto completo visitate il sito www.quotidianopiemontese.it
Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like