La Provincia di Belluno sta studiando un intervento di pulizia del lago di Centro Cadore, simile a quello avviato qualche settimana fa a Santa Croce (in Alpago) e in fase di conclusione in questi giorni. Giovedì mattina il consigliere delegato alla Protezione Civile Massimo Bortoluzzi è stato in sopralluogo a Pieve di Cadore per controllare la situazione, su richiesta dell’amministrazione comunale.
Il lago infatti presenta in molti punti tronchi e detriti, finiti all’interno del bacino a seguito degli ultimi eventi meteo del dicembre scorso. Detriti che galleggiano in diverse parti del lago a seconda di come soffia il vento e rendono difficili le operazioni di pescaggio dei canadair, come ha segnalato il sindaco di Pieve di Cadore, Giuseppe Casagrande. Il problema è emerso qualche giorno fa, con l’incendio di Pozzale, che ha visto impegnato il canadair dei vigili del fuoco. Il rifornimento però è stato dirottato al lago di Santa Croce, con notevole dispendio di tempo.
«Erano previsti otto lanci nella giornata di sabato – spiegano il sindaco Casagrande e l’assessore Stefano Campi, che ha accompagnato il consigliere provinciale nel sopralluogo -. Dopo un primo giro a vuoto sul lago, il canadair ha deciso di caricare a Santa Croce, perché c’erano troppi detriti sull’acqua. Di conseguenza, i lanci totali sono stati tre».
«È necessario intervenire prontamente per la rimozione del legname che galleggia nel lago e per ripulire le sponde da tronchi e detriti che potrebbero finire nell’acqua non appena il livello si alzerà – afferma il consigliere provinciale Bortoluzzi -. Dopo il sopralluogo, abbiamo avviato un approfondimento tecnico con il dirigente della Provincia. Seguiranno altri sopralluoghi con la struttura della Provincia, per capire modi, tempi e possibilità di intervento. Dovremo confrontarci anche con Enel, che sentirò già nei prossimi giorni per la condivisione dell’intervento. A differenza di quanto fatto a Santa Croce, dove dovevamo per forza tenere basso il livello dell’acqua, a Pieve forse potremo lavorare meglio con l’invaso pieno».
L’operazione di pulizia sarà approfondita a breve dagli uffici della Provincia, con l’obiettivo di avviarla entro l’estate. «Si tratta di un intervento fondamentale per questioni di sicurezza, come ci ha giustamente segnalato il sindaco di Pieve – conclude il consigliere Bortoluzzi -. L’area del lago ne beneficerà anche dal punto di vista ambientale e turistico».
«La Provincia si conferma ente di coordinamento, “casa dei sindaci” e attenta ai problemi del territorio – aggiunge il presidente Roberto Padrin -. Il lavoro di squadra con i Comuni è fondamentale, anche per valorizzare le bellezze naturali. Il lago di Centro Cadore è uno dei gioielli del nostro territorio e con il probabile riproporsi del turismo di prossimità visto la scorsa estate, abbiamo il dovere di renderlo ancora più bello e più fruibile per i visitatori che arriveranno. La gestione a fini turistici dei nostri laghi, soprattutto quelli balneabili, passa anche attraverso queste operazioni di pulizia».

Share

L’articolo Sopralluogo al lago di Centro Cadore. La Provincia studia un intervento di pulizia simile a quello avviato a Santa Croce. Bortoluzzi: «Fondamentale per la sicurezza dei canadair» proviene da Bellunopress – Dolomiti.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like