SASSARI Cosa cambia per i cittadini sardi nel passaggio da zona rossa a arancione? Ecco un quadro delle principali novità.

Spostamenti. È consentito spostarsi senza limiti di orario, verso tutto il territorio nazionale «se lo spostamento avviene per esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute»; dalle 5 alle 22, nello stesso Comune, senza doverne giustificare il motivo; nella stessa fascia oraria verso tutto il territorio nazionale, se la persona che si sposta è in possesso di una “certificazione verde Covid-19” valida. È sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. A chi vive in un Comune che ha fino a 5.000 abitanti è consentito spostarsi, tra le 5 e le 22, entro i 30 km dal confine del proprio Comune, ma non verso i capoluoghi di Provincia.

Attività commerciali. Riaprono i negozi, i parrucchieri e i centri estetici. Non sono previste limitazioni alle categorie di beni vendibili. Nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati, ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, lavanderie e tintorie, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie Bar e ristoranti. Non cambia nulla: zona rossa e arancione hanno le stesse regole riguardo bar, ristoranti, pizzerie e gelaterie. Gli esercizi di ristorazione sono chiusi al pubblico tutto il giorno e tutti i giorni. Si possono fare l’asporto e la consegna a domicilio: il primo fino alle 22 o fino alle 18 per le bevande, la seconda senza limitazioni orarie in entrambe le zone.

Attività sportive. Restano chiuse piscine e palestre, non si possono praticare sport di squadra e di contatto (a meno che si tratti di atleti e manifestazioni sportive riconosciute di interesse nazionale). Riaprono i centri sportivi all’aperto. In linea generale in zona rossa si può fare sport in forma individuale (come jogging e ciclismo) ma l’attività motoria può essere svolta soltanto in prossimità della propria abitazione. Invece in zona arancione sport e attività motoria sono liberi: si possono praticare entro i confini comunali e, se non ci sono strutture nel luogo di residenza, anche in un Comune limitrofo. È consentita la pesca sportiva.

Scuola. Nessun cambiamento: sia in zona rossa che arancione frequentano in presenza gli alunni della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e del primo anno della scuola secondaria di primo grado.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like