Razvan Marin, centrocampista del Cagliari, ha rilasciato un’intervista durante la quale ha parlato del suo presente con la maglia rossoblù

Razvan Marin, centrocampista del Cagliari, ha rilasciato un’intervista a La Nuova Sardegna durante la quale si è raccontato, ponendo l’accento sulle condizioni della squadra e sulla sua vita privata. Le sue dichiarazioni.

CAGLIARI – «Ringrazierò sempre Gheorghe Hagi, il mio maestro. Nell’Ajax avevo giocato poco e, quando si è prospettata la chance di Cagliari ne sono stato convinto. Anche quando le cose non andavano per il meglio ho sempre continuato a lavorare sodo: amo la mia professione, così come amo l’Italia e la città, in cui vivo con la mia fidanzata Crina. Il Bastione, le passeggiate al Poetto, gustare la cucina locale… tutte cose che adoriamo fare liberamente ma siamo costretti a soffocare a causa del Covid-19».

SQUADRA – «l Mister ci ha sempre dato positività, libertà di interpretare il gioco e incoraggiamento. Ci siamo rimboccati le maniche. I leader? Non solo Godín, Nainggolan e João Pedro, ma anche Cragno e Pavoletti. Il presidente Giulini ci è sempre vicino, spesso viene a trovarci e ci dà la carica».

VITA PRIVATA – «Utilizzo moltissimo il computer e adoro i videogiochi. Non sono per i grandi sfizi, se voglio togliermene uno lo faccio per l’abbigliamento. Ma preferisco mettere da parte, la carriera di un calciatore è corta e bisogna pensare al futuro. La Romania? Un’emozione ogni volta che rappresento il mio Paese. Non abbiamo iniziato bene le qualificazioni mondiali però ci impegneremo al massimo, siamo capitati in un girone difficile. I migliori centrocampisti italiani sono per me Verratti e Barella».

L’articolo Marin: «Cagliari? Amo la città e la squadra. Vi svelo chi è il mio maestro» proviene da Cagliari News 24.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like