L’araba fenice non muore mai: sa rinascere dalle proprie ceneri per tornare più forte di prima.

Si potrebbe utilizzare questa metafora per raccontare il ritorno a sorpresa di Marta Zenoni che, dopo quasi due anni di stop, ha ripreso l’attività agonistica.

Nonostante un forte acquazzone e i pochi allenamenti sulle gambe, la 22enne di Ranica ha illuminato la prima tappa del Silver Meeting Lombardia dominando i 3000 metri femminili.

Chiamata a dettare il passo ad Ilaria Luzzana (Gruppo Alpinistico Vertovese, assente a causa di un risentimento muscolare), la portacolori dell’Atletica Bergamo 1959 ha saputo gestire la situazione attaccando sin dall’inizio.

Conducendo una gara di testa, la giovane promessa del mezzofondo ha tagliato il traguardo di Rodengo Saiano in 9’27″02, distante una ventina di secondi dal proprio personale.

Più indietro invece la compagna di squadra Arianna Algeri che ha terminato la competizione con l’ottavo tempo assoluto in 10’18″34, prendendo così gradualmente confidenza con le prove più lunghe.

La pista bresciana ha offerto buone sensazioni anche in campo maschile con Alessandro Lotta (Gruppo Alpinistico Vertovese, 8’32″45) e Stefano Benzoni (Pool. Società Atletica Alta Valle Seriana, 8’44″50) che hanno colto rispettivamente la seconda e la nona posizione firmando quest’ultimo il personal best.

Terzo posto invece per l’Under 23 Claudia Locatelli (Atletica Bergamo 1959 Oriocenter) che, all’esordio sulla distanza, ha terminato le proprie fatiche in 11’30″24 dopo aver battagliato a lungo con Francesca Mentasti (Atletica Gavirate) per la piazza d’onore.

Negli 800 metri da segnalare infine il ritorno di Simone Marinoni (Gruppo Alpinistico Vertovese) che ha sfiorato il podio fermando il cronometro in 1’50″33, mentre Abdelhakkim Elliasmine (Atletica Bergamo 1959) si è aggiudicata la seconda serie in 1’52″32.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like