Ed è arrivato il giorno della festa dell'Inter che, sfruttando il pareggio dell'Atalanta a Reggio Emilia, festeggia il suo diciannovesimo scudetto. E' uno scudetto strano, ma strameritato per quanto fatto vedere sul campo. Uno scudetto che non è di un singolo giocatore, ma più che mai stavolta, quello di un gruppo che non ha mai tradito. Neanche quando, dopo l'eliminazione dalla Champions League e con le notizie poco rassicuranti sullo stato di salute della proprietà, rischiava di deragliare. Antonio Conte, che in Europa purtroppo è molto meno performante che nei campionati nazionali, ha salvato una stagione. Perché sarebbe stato difficile giustificare certe spese e il suo ingaggio senza lo scudetto vinto. Sarà stato pure il… Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like