(ANSA-AFP) – DAMASCO, 02 MAG – A meno di un mese di distanza dalle elezioni presidenziali, il presidente della Siria, Bashar al-Assad, ha ordinato con un decreto un’amnistia per i detenuti, rilasciando non solo persone condannate per reati minori, ma anche chi è stato condannato per “complicità in atti di terrorismo”. Tra questi ultimi, nel gergo del regime siriano, rientrano le attività dei ribelli ma anche degli attivisti contro il governo di Damasco. Inclusi nell’amnistia anche i disertori dell’esercito che si siano costituiti entro tre mesi, o sei mesi se erano all’estero. Non beneficeranno invece della clemenza quei “terroristi” le cui azioni abbiano causato la morte. Quanto ai responsabili di alcuni reati come traffico di droga, contrabbando ed evasione fiscale, il rilascio sarà condizionato al pagamento di una multa.

Dalle elezioni presidenziali del prossimo 26 maggio – le seconde dallo scoppio della guerra civile – non ci si aspettano grandi sorprese e Assad appare proiettato senza troppi ostacoli verso un quarto mandato.

Dieci anni di guerra civile in Siria si stima abbia provocato almeno 380.000 morti e milioni di sfollati. (ANSA-AFP).

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like