(ANSA) – PARIGI, 03 MAG – Si è aperto a Chambéry, nel sud-est della Francia, al confine con l’Italia, il processo al più temibile stupratore seriale in Francia, Nordahl Lelandais, 38 anni, accusato fra l’altro di aver rapito e ucciso, durante una festa di matrimonio, la piccola Maelys De Araujo, e dell’uccisione del giovane caporale dell’esercito Arthur Noyer.

Trasferito sotto scorta dal carcere di Saint-Quentin Fallavier, Lelandais si è presentato con barba grigia e giacca nera, il volto in parte coperto da un cappellino. Enorme l’afflusso di giornalisti e telecamere per il processo, molto atteso dall’opinione pubblica.

Nell’autunno 2017, quando Lelandais era già stato accusato della morte della piccola Maelys, gli inquirenti della Savoia francese ipotizzarono la sua colpevolezza anche per la scomparsa del caporale, un alpino di 23 anni, avvenuta qualche mese prima. Molti gli indizi, mentre eventuali prove saranno presentate dall’accusa in tribunale.

Da allora, decine di altri casi – oltre a quello di Maelys – sono stati attribuiti ipoteticamente a Lelandais, descritto come una persona senza tratti particolari del carattere ma che, negli anni, si è trasformato in un “predatore” sessuale che potrebbe avere commesso decine di delitti e violenze. (ANSA).

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like