Il deputato (e super tifoso atalantino) Daniele Belotti ha mandato una richiesta al prefetto di Bergamo Enrico Ricci e al ministro dell’interno Luciana Lamorgese affinché varino una proroga per la chiusura dei bar e dei locali mercoledì 19 maggio in occasione della finale di Coppa Italia che vedrà impegnate Atalanta e Juventus.

Ecco nel dettaglio la proposta del parlamentare leghista di Bergamo.

Premesso che

mercoledì 19/5 alle ore 21, è in programma a Reggio Emilia la finale di Coppa Italia Atalanta-Juventus;

per l’occasione è stato autorizzato, per la prima volta da oltre un anno, l’ingresso allo stadio una percentuale di spettatori pari al 20% della capienza, che al Mapei Stadium corrispondono a 4300 posti;

per decine di migliaia di bergamaschi è un evento attesissimo, che in un periodo normale avrebbe visto un esodo di oltre 20.000 tifosi, mentre saranno solo 2000 gli atalantini presenti a Reggio Emilia;

Visto che

bar e ristoranti sono stati autorizzati a svolgere la propria attività con servizio ai tavoli all’aperto;

molti locali trasmettono le partite di calcio, ma con il coprifuoco fissato alle 22 sarebbe impossibile avere clienti tifosi;

i locali pubblici stanno soffrendo in modo pesantissimo i provvedimenti anti Covid;

la finale di Coppa Italia potrebbe rappresentare un’occasione importante di lavoro per numerosi bar e ristoranti che trasmettono le partite in tv;

Al fine

di evitare massicci assembramenti come quello registrato domenica pomeriggio in piazza Duomo a Milano per lo scudetto dell’Inter;

Constatato che

consentendo a ristretti gruppi di amici di potersi ritrovare, in totale sicurezza, nei bar e nei ristoranti della città e della provincia si eviterebbe in caso di auspicata vittoria dell’Atalanta (!) un possibile, per altro vietato, afflusso notturno in centro a Bergamo per festeggiare;

La presente per richiedere

per mercoledì 19/5 una proroga dell’orario di chiusura per gli esercizi pubblici della provincia di Bergamo fino alle 23,30 (orario comprensivo anche degli eventuali tempi supplementari e rigori) o comunque fino alla fine della partita, al fine di poter ospitare, secondo le disposizioni sanitarie vigenti, la clientela per la visione della finale di Coppa Italia.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like