CAGLIARI. C’è un procedimento disciplinare a carico di Luigi Puddu, il direttore artistico del Teatro lirico che ha ammesso di essersi trovato alle Nuove Terme di Sardara nel pomeriggio del 7 aprile, durante l’ormai famigerato banchetto, ma solo per svolgere un sopralluogo in vista di un possibile spettacolo a cura della Fondazione. La notizia, circolata in ambienti giudiziari, ha trovato conferma in via Sant’Alenixedda, negli uffici del Lirico. Il sovrintendente Nicola Colabianchi, sentito come testimone dal pm Giangiacomo Pilia all’interno dell’inchiesta per peculato e omissione di atti d’ufficio che finora coinvolge nelle vesti di indagati cinque persone, ha riferito del carteggio intercorso tra il proprio ufficio e il direttore artistico – che non è indagato – confermando di avergli chiesto spiegazioni per una partecipazione all’incontro di Sardara che non era stata richiesta e di cui il vertice del teatro non sapeva nulla.

Alla lettera del sovrintendente Puddu aveva risposto di essersi trovato alle Nuove Terme casualmente, per un sopralluogo che rientra fra le sue prerogative e competenze contrattuali, in un regime di autonomia previsto dalla sua funzione. Nei giorni successivi però Colabianchi ha deciso di non chiudere la vicenda con uno scambio di note, ma di contestare formalmente a Puddu una violazione sul piano disciplinare. Ora il musicista potrà rispondere alle contestazioni nei tempi stabiliti dalla procedura. (m.l)
 

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like