(ANSA) – PARIGI, 04 MAG – Prima udienza domani pomeriggio per i 9 italiani – Maurizio Di Marzio resta sempre l’unico introvabile fra gli estradabili – che sono stati fermati la settimana scorsa dopo che l’Eliseo ha dato il via libera alla giustizia per esaminare le richieste di estradizione dell’Italia nei loro confronti.

Gli ex terroristi, fuggiti in Francia negli anni 80, compariranno davanti alla Chambre de l’Instruction della Corte d’Appello dove sarà loro notificata la richiesta di estradizione italiana, saranno elencati processi, pene e capi d’accusa a loro carico e sarà comunicato il calendario delle udienze che li riguardano.

Sono attesi, fuori dal palazzo di Giustizia, amici, ex militanti ed esponenti del comitato di sostegno agli “italiens”.

Negli ultimi giorni hanno ripreso voce i sostenitori del gruppo, che si sono ritrovati in un giardino di Parigi attorno a Marina Petrella, ex brigatista condannata all’ergastolo in Italia.

“Sarà una procedura molto lunga – ha detto Petrella all’ANSA -, dal 2019 viviamo questo stato di tensione, ma vedo che abbiamo anche dei sostenitori. Io non ho niente da nascondere”.

Per Oreste Scalzone, ex leader di Potere Operaio, punto di riferimento dei fuoriusciti degli anni di piombo, “non ci sarà bisogno di ricorrere ai motivi di salute”. Come ha ripetuto l’avvocata di diversi fra i gli estradabili, Irène Terrel, le richieste sono “irricevibili”. (ANSA).

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like