(ANSA) – CITTÀ DEL MESSICO, 04 MAG – La Procura generale di Città del Messico ha annunciato di avere aperto una inchiesta per i reati di omicidio colposo e danni alla proprietà dopo il cruento incidente che lunedì sera, per il cedimento di un viadotto, ha coinvolto un convoglio della linea 12 della metropolitana con un bilancio di 24 morti e decine di feriti.

I media messicani sottolineano una sorta di ‘maledizione’ che ha colpito fin dall’inaugurazione nel 2012 la ‘Linea Dorada’ della metropolitana, che nei nove anni di funzionamento è stata fermata decine di volte per problemi a strutture e infrastrutture e in almeno due casi, nel 2014 e nel 2017, per lunghi periodi.

Al riguardo, si precisa in un comunicato, “saranno realizzate da parte di professionisti del ramo tutte le necessarie perizie multidisciplinari e interistituzionali, sia sul piano strutturale che su quello amministrativo, al fine di individuare le responsabilità dell’accaduto.

Per questo, oltre all’inchiesta messicana, le autorità della capitale hanno chiesto alla compagnia norvegese specializzata nella gestione dei rischi, Det Norske Veritas (DNV-GL), di svolgere una approfondita indagine sull’accaduto.

Infine, mentre sono stati rimossi con grosse gru i due vagoni del convoglio precipitati al suolo, ed è quasi terminato il riconoscimento dell’identità delle vittime fatali dell’incidente, il governo federale ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale con l’esposizione delle bandiere a mezz’asta fino a tutto il 6 maggio. (ANSA).

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like