SASSARI. Un’operazione internazionale della direzione investigativa nazionale antimafia è stata portata a termine nelle primissime ore del mattino di oggi, mercoledì 5 maggio, in diversi centri della Sardegna tra cui Alghero, Porto Torres e Oristano, con arresti e perquisizioni. Tutto questo è avvenuto in contemporanea con analoghe operazioni in altre regioni d’Italia, in Germania, in Spagna e in Romania.

L’operazione, denominata Platinum-Dia, è iniziata attorno alle 5 quando oltre alle pattuglie in strada, un elicottero ha sorvolato Oristano (via Diaz in particolare) e poi Alghero e Porto Torres con l’impegno di carabinieri e Guardia di finanza.

Narcotraffico mafioso in Europa: anche la Sardegna nel vasto girofoto da Quotidiani localiQuotidiani locali

Gli arresti in Sardegna fanno parte delle numerose misure di custodia cautelare e perquisizioni, emesse dal Tribunale di Torino su richiesta della Dda piemontese e coordinata dalla Dna, in Italia, in Germania, in Romania e in Spagna nei confronti di persone ritenute affiliate alla ‘ndrangheta.

Il cuore dell’operazione in Piemonte è stato a Volpiano in provincia di Torino, con persone che sarebbero il terminale economico della famiglia Agresta di Platì (Reggio Calabria), arrestati anche esponenti della famiglia Giorgi, detti «Boviciani», di San Luca (Reggio Calabria), ritenuti responsabili di narcotraffico internazionale ed attivi in Piemonte, Calabria, Sardegna e, in Germania, nel Land del Baden Wùrttemberg, nelle località turistiche del Lago di Costanza.

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like