Concerto di inaugurazione 68a Stagione 2021
Trio Kanon. Martedì 11 maggio 2021, ore 19:00
Sala Giovanni XXIII, Belluno

Si apre la 68a Stagione del Circolo Culturale Bellunese, con il concerto del pluripremiato Trio Kanon, composto da Lena Yokoyama violino, Alessandro Copia violoncello e Diego Maccagnola pianoforte. Il concerto si tiene a Belluno, Teatro Giovanni XXIII, martedì 11 maggio, con orario anticipato alle ore 19:00, per rispettare il “coprifuoco” delle ore 22.
In programma, l’esecuzione del Trio n. 1 in re minore op. 63 di Robert Schumann e del Trio n. 3 in fa minore op. 65 di Antonín Dvořák.

Per garantire le misure di prevenzione anticovid, è richiesta la prenotazione presso l’Agenzia Alpe Bellunese: telefono Tel. 0437 940407, e-mail: info@alpebellunese.it. Si ricorda l’utilizzo della mascherina.
Informazioni, programma completo della 68a Stagione 2021 e note di sala su: www.belcircolo.org.

Un autore romantico per eccellenza, Robert Schumann, con un Trio di drammatica passionalità e lirismo e l’esuberante opera 65 di Antonín Dvořák saranno l’anima della serata, con il Trio Kanon, nato nel 2012 dall’amicizia di tre musicisti uniti dalla passione per la musica da camera studiando sotto la guida del Trio di Parma presso l’International Chamber Music Academy di Duino, fondata dal Trio di Trieste nel 1989. Tra i numerosi premi, ricordiamo solo il 1° premio, nel 2018, al Concorso Internazionale di Musica da Camera di Pinerolo e Torino Città Metropolitana; 2° premio (1° non assegnato) nel 2017 nell’OnStage International Chamber Music Competition, e nel 2014 il 1° Premio e il Premio del Pubblico al Rospigliosi Chamber Music Competition.

Il Trio Kanon si è esibito in Italia, Inghilterra, Croazia, Austria, Norvegia, Stati Uniti, Cina e Giappone, nelle più prestigiose sale e ospite nei principali festival internazionali. Il Trio ha inciso per la rivista “Amadeus” e per l’etichetta “Movimento Classical” musiche di Beethoven. Nel 2019 è stato pubblicato un CD per “Warner Italia”, dedicato a Dvorak e Brahms. In uscita nel 2021 un altro lavoro discografico, ancora per Warner, con musiche di Schumann e Brahms.

La 68a Stagione 2021 prevede note di musica jazz, la IV edizione del Festival “Arte e Musica tra Pelmo e Civetta”, nelle chiese della Val di Zoldo, e l’esecuzione di splendidi repertori di musica antica, insieme alle celebrazioni di Dante e del grande contrappuntista fiammingo Josquin Desprez.

Il Trio Kanon, vincitore di numerosi premi, tra cui il 1° Premio, il Premio del Pubblico e il
Premio Speciale “Cerutti–Bresso” per la migliore interpretazione di Brahms al Concorso
Internazionale di Musica da Camera di Pinerolo e Torino Città Metropolitana del 2018, aprirà
la Stagione con musiche di Robert Schumann e Antonín Dvořák. Con l’Ensemble Aurora di
Enrico Gatti avremo modo di conoscere l’opera strumentale di Giuseppe Tartini, violinista,
compositore, teorico e didatta nato a Pirano e vissuto gran parte della sua esistenza a Padova (del quale nel 2020 ricorreva il 250° della morte), mentre l’ensemble Opera Prima, diretto da Cristiano Contadin, darà voce alle struggenti Lachrimae di John Dowland intonate dalle viole da gamba. L’Ensemble Zefiro, punto di rifermento in ambito internazionale per il repertorio di musica da camera per fiati del Sette e Ottocento con strumenti d’epoca, eseguirà musiche del Barocco europeo.
La giovane violoncellista Erica Piccotti, che ha ricevuto il rinomato premio ICMA
(International Classical Music Awards) come “Young Artist of The Year” 2020, suonerà
musiche di Schumann e Richard Strauss, in duo con Leonardo Pierdomenico al pianoforte.
Sempre al violoncello sarà dedicato il concerto di fine estate con il ventunenne musicista di
nazionalità statunitense Zlatomir Fung, primo premio al prestigioso Concorso Čajkovskij
2019.
I recitals per pianoforte vedranno protagonisti Elia Cecino, vincitore della xxxvi edizione del
Premio Venezia 2019, e Alex Trolese, “Artist in Residence” alla Queen Elisabeth Music
Chapel di Waterloo, in programmi di grande virtuosismo e intenso lirismo. L’affermato
pianista Filippo Gorini, Primo Premio e Premio del pubblico al Concorso Telekom-Beethoven
di Bonn nel 2015, interpreterà L’arte della fuga di Johann Sebastian Bach. Paolo Restani,
Artista Steinway dal 2018, suonerà musiche di Chopin e Debussy, rendendo omaggio all’anno dantesco con la Fantasia quasi Sonata dopo una lettura di Dante di Franz Liszt.

Share

L’articolo Trio Kanon a Belluno, 11 maggio 2021, apertura 68ma Stagione Circolo Culturale Bellunese proviene da Bellunopress – Dolomiti.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like