Venerdì 11 giugno, ore 10.31. Un momento a suo modo indimenticabile per Ponte nelle Alpi e la sua stazione. Perché è il momento in cui arriva il primo treno elettrico.

Il romanzo ferroviario si arricchisce così di un nuovo ed emozionante capitolo, che proietta il territorio nel futuro. E lo apre al mondo: in primis a quello turistico. Per la soddisfazione del parlamentare, ed ex sindaco, Roger De Menech: «È una giornata che non esiterei a definire storica. Per Ponte nelle Alpi e l’intera provincia di Belluno. Questo diventa uno snodo sempre più importante sia a livello lavorativo, sia nell’ambito del turismo, se è vero che mette in relazione l’anello basso e alto. A tale proposito, la ferrovia è più che mai centrale in termini di sviluppo, anche in relazione ai prossimi eventi sportivi. Come i Giochi olimpici invernali di Cortina, nel 2026».

Senza considerare che gli investimenti non abbracciano solo l’elettrificazione dei binari, ma coinvolgono la stessa stazione di Polpet, diventata un hub di importanza strategica su scala regionale.

In merito ai lavori, si va dagli ascensori al binario (di fatto abbattono le barriere architettoniche e vanno incontro alle esigenze di chi ha difficoltà a deambulare), al miglioramento dell’edificio che ospita la biglietteria, fino all’occhio di riguardo per l’interscambio gomma-rotaia. «Crediamo in maniera particolare nel turismo sostenibile – sono le parole del sindaco Paolo Vendramini – e da vivere pedalando, in bicicletta. Dalla nostra stazione, infatti, partiranno tre corriere che raggiungeranno altre mete e località turistiche. A conferma di quanto sia ormai strategica Ponte nelle Alpi. Il cicloturismo parte da qui».

Dopo la riqualificazione dell’area ex Comedil e la nuova piazza della Poesia, di fronte alla rinnovata biblioteca civica, la stazione elettrificata è un ulteriore e fondamentale tassello in un quadro sempre più definito: il futuro è adesso.

 

Share

L’articolo E’ arrivato il primo treno elettrico alla Stazione di Ponte nelle Alpi proviene da Bellunopress – Dolomiti.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like