michelangelo ciurleo

“In merito alla riunione di giorno 08 giugno, tenutasi presso la provincia di Catanzaro e durante la quale è stato illustrato il progetto della nuova SS 106, che va dallo svincolo di Simeri Crichi allo svincolo di Passovecchio, ed alla quale hanno partecipato i Presidenti delle Province di Catanzaro e Crotone, l’Anas e i sindaci del comprensorio, si vuole evidenziare che il comune di Botricello, così come riportato dai quotidiani locali, non si è assolutamente defilato dalla partecipazione alla stessa, ma non ha potuto partecipare in quanto gli organizzatori dell’incontro (Anas e Province di Catanzaro e Crotone) hanno ritenuto opportuno invitare solo ed esclusivamente i sindaci i cui consigli comunali, a cui va il nostro rispetto, avevano liberamente e democraticamente deliberato ed approvato l’alternativa stradale denominata “proposta Enti Locali”. E’ quanto si legge in un comunicato del primo cittadino di Botricello, Michelangelo Ciurleo. 

Con le stesse prerogative di democrazia, anche il consiglio comunale di Botricello, recependo le legittime aspettative della popolazione, in data 19/03/2021, con votazione unanime, aveva approvato una proposta diversa, ossia l’itinerario denominato “Alternativa 1”, ritenendo lo stesso percorso più idoneo e confacente alle caratteristiche del proprio territorio.
Vogliamo pensare che il mancato invito del nostro Ente all’importante riunione, sia stato frutto di una svista da parte degli organizzatori e non una specie di “punizione” nei confronti dei rappresentanti dei cittadini botricellesi che in autonomia hanno votato per una proposta diversa dalle scelte di altri comuni.
Ripetiamo che non lo vogliamo pensare, perché se così fosse, significherebbe un penoso ritorno a quelle vecchie logiche della divisione e del becero campanilismo che hanno solo generato isolamento e povertà dei nostri territori.
Lo sviluppo di un intero territorio deve necessariamente passare attraverso il coinvolgimento e la partecipazione delle popolazioni a tutte le dinamiche progettuali, comprese le determinazioni finali, qualunque esse siano.
Vogliamo auspicare che nel futuro prosieguo per la realizzazione di questa importante e vitale infrastruttura, vi sia più attenzione istituzionale nei confronti della nostra cittadinanza, consentendo a questo Ente di poter partecipare agli incontri ufficiali per discutere di tutte le soluzioni inerenti l’individuazione degli svincoli, della messa in sicurezza e di quanto necessario per favorire lo sviluppo dei territori.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like