carabinieri bifernina

In soli cinque giorni sono state sospese altrettante patenti di guida, tre persone denunciate. Pugno duro dei Carabinieri della Compagnia di Larino, scesi ‘in campo’ per tentare di porre fine al ‘far west’ che si verifica quotidianamente sulla Bifernina. Sulla statale 647 , arteria fondamentale per la regione, il rispetto delle regole del codice della strada è diventato quasi merce rara, come vi abbiamo raccontato negli ultimi giorni raccogliendo le testimonianze di alcuni automobilisti che hanno scritto alla nostra redazione. Sorpassi azzardati a velocità folle e in tratti in cui non è permesso. Infine l’ultima moda: il passaggio con il semaforo rosso. Tutto questo è motivo di forte preoccupazione.

Se il semaforo diventa un optional, la nuova moda sulla Bifernina. “Ogni giorno rischio lo schianto”

 

Probabilmente anche le segnalazioni di chi percorre quotidianamente la Bifernina e rischia la vita hanno contribuito all’aumento dei controlli da parte degli uomini dell’Arma. Ecco il primo bilancio: “Per arginare il fenomeno da parte di questi pirati, i militari hanno effettuato numerosi controlli sul Biferno e, in soli cinque giorni, hanno sospeso ben cinque patenti di guida, due delle quali ad automobilisti che hanno effettuato sorpassi azzardati in prossimità di curve e su doppia striscia continua”.

Oltre ai rischi per gli altri automobilisti che transitano sulla Bifernina, i carabinieri ricordano che “sull’arteria, inoltre, sono attualmente in atto anche lavori da parte dell’Anas e la presenza di operai e tecnici della strada è costante”. Anche loro insomma rischiano di essere investiti da qualche automobilista indisciplinato.

Oltre alle sanzioni, sono scattate anche tre denunce alla Procura della Repubblica di Larino nei confronti di altrettante persone che guidavano sotto l’effetto di alcol ed anche per loro è scattato il ritiro della patente, nonché una sanzione salatissima.

Nell’arco di neanche una settimana sono stati decurtati in totale quasi cento punti sulle patenti di indisciplinati, controllate trecento persone ed elevate numerose contravvenzioni al fine di rendere le strade sempre più sicure.

Infine, il monito degli uomini dell’Arma: “La Bifernina, così come le altre arterie principali che uniscono i numerosi centri abitati del Basso Molise, continuerà ad essere controllata dai Carabinieri che raccomandano sempre di accendere insieme cervello e motore prima di iniziare a guidare”

 

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like