Sergio Costanzo

Alla luce della bocciatura dei bilanci 2018 e 2019 dell’ASP di Catanzaro, a firma della triade commissariale, è necessario che chi ha le competenze intervenga e presto. I gravissimi rilievi sollevati dall’Organo di controllo interno dell’Azienda Sanitaria (all’interno del quale è presente un funzionario del Ministero dell’Economia) e successivamente dal Commissario ad acta dott. Guido Longo, impongono l’assunzione di provvedimenti conseguenti. Il Decreto Calabria bis – D.L. 150/2020- all’articolo 2 c.6 prevede che “i Commissari straordinari decadono automaticamente dall’incarico in caso di mancata approvazione dei bilanci”. E’ quanto si legge in una nota stampa di Sergio Costanzo, consigliere comunale di FarePerCatanzaro. 

Cosa ancora bisogna aspettare perché si proceda con la decadenza? Si aggiunga che i LEA (Livelli essenziali di assistenza) nella provincia di Catanzaro sono letteralmente crollati ben al disotto dei minimi previsti. E in tutto ciò si appalesa l’ostinata contrarietà e la volontà di distruggere una delle poche realtà sanitarie che in Calabria riesce a dare risposte: il Sant’Anna Hospital.

Apprendiamo della “manovra contabile” messa in atto per nascondere un debito liquido e certo che l’Asp aveva nei confronti del Sant’Anna che ammonterebbe a circa 6,5 milioni a seguito di una sentenza passata in giudicato!!!

Quali sono le ragioni di tali comportamenti che comunque fanno emergere gravi responsabilità in capo agli esponenti aziendali dell’ASP ?

Sarebbe proprio il caso che qualcuno intervenisse e, come noi avevamo suggerito in consiglio comunale, si chieda al Ministero della Salute l’invio immediato di esperti contabili in modo tale da verificare cosa sta succedendo nell’Asp di Catanzaro. Vorremmo dire al sindaco Sergio Abramo, il quale, aveva rassicurato: “Urbi et Orbi” sulla firma del contratto 2021 tra l’Asp e la clinica di eccellenza Sant’Anna, che siamo già al 17 giugno senza che nulla sia avvenuto. Gli rammentiamo, se preso da altri impegni (vedi elezioni regionali) che il Sindaco è la massima autorità in ambito sanitario e a lui compete difendere i cittadini catanzaresi e la città da quella che si prospetta come l’ulteriore spoliazione della città Capoluogo di Regione perpetrata da burocrati senza cuore.

 

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like