CAGLIARI. «Certo, mi è dispiaciuto non essere stato convocato per gli Europei, tutti avrebbero voluto partecipare ad una competizione del genere. Purtroppo c’erano tanti buoni portieri, uno doveva rimanere a casa, fa parte del gioco. A settembre ci sarà una nuova convocazione, farò di tutto per meritarmi la chiamata». E la convocazione, Alessio Cragno, cercherà di conquistarsela ancora con il Cagliari.

«L’obiettivo è quello di dare sempre il massimo – ha detto il portiere rossoblù dal ritiro di Peio – per aiutare il Cagliari a raggiungere i risultati migliori. Quello che abbiamo vissuto l’anno scorso ha contribuito a rendere il gruppo più forte: può darci una grossa mano nella prossima stagione».

Si ricomincia da Semplici: «Già l’anno scorso abbiamo provato ad iniziare l’azione da dietro per trovare poi la superiorità. Vista la classifica, dovevamo però badare al sodo. Ora abbiamo più tempo per recepire i messaggi del mister, cercheremo di sviluppare un nuovo tipo di gioco. Dovremo mantenere l’ atteggiamento dimostrato nella seconda parte di campionato, farlo dall’inizio porterà risultati migliori. Il mio sogno è potermi togliere qualche soddisfazione, il che non significa vincere lo scudetto o arrivare necessariamente in Europa: ma dobbiamo fare quel salto di qualità per andare ad esprimere il nostro gioco a viso aperto su ogni campo».

Via Vicario, ora nella squadra dei portieri c’è Radunovic. «L’ho visto all’opera nell’anno in cui stavo a Benevento, lui giocava all’Avellino e mi fece un’ottima impressione. Ha dimostrato di essere un portiere di grandi qualità. Avere con noi un elemento del genere è un bene, aumenta il livello degli allenamenti». (Ansa).

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like