CATANZARO CALCIO

L’affondo era previsto per oggi: c’è stato ma davanti ha trovato ancora un muro di gomma. Fatica a sbloccarsi l’operazione relativa a Federico Vazquez, la punta argentina che il Catanzaro ha da tempo messo nel mirino – riuscendo a strappare anche un sì di massima – ma che la Virtus Francavilla, proprietaria del cartellino, ancora non intende liberare.

Oggi, come da agenda, è andato in scena l’incontro tra il diesse Pelliccioni ed i vertici biancazzurri: sul tavolo è finita la proposta delle aquile, fatta di contropartite tecniche a cambio – Bayeye o Parlati – più piccolo conguaglio; ipotesi ritenuta evidentemente poco allettante dai virtussini che dall’uscita anticipata del classe ’93 vorrebbero cavarci solo vantaggi economici ed avrebbero per questo risposto fissando il prezzo. La promessa strappata è quella di riaggiornarsi nei prossimi giorni: se per ora il club di via Gioacchino da Fiore può far leva sulla volontà del ragazzo, l’Avellino alla finestra resta concorrente da cui guardarsi e sarà pericoloso tergiversare.
Sempre a proposito di intrecci tra Catanzaro e Virtus non sarà giallorosso Roberto Pierno: il Lecce spinge perché il ragazzo trovi adeguato spazio nella prossima stagione, le aquile al contrario dei pugliesi non possono garantirlo, ecco perché proprio in Puglia l’esterno dovrebbe continuare la sua crescita.

ROLANDO E GLI ALTRI – Di chiuso per i giallorossi c’è per ora l’affare Rolando, un colpo importante per la fascia destra: Calabro lo dovrebbe abbracciare già nelle prossime ore – dopo lo svincolo firmerà un biennale – e lo sbarco potrebbe avvenire già prima della partenza per Moccone. Atteso ad ore anche lo svincolo di Scognamillo da Alessandria – due anni di contratto anche per lui – mentre oggi è diventato ufficiale il ritorno di Gatti, già a lavoro con i compagni dal raduno dopo l’addio alla Reggiana. Da qui al weekend si proverà a portare a casa tanto altro per completare i ranghi: i nomi di Vandeputte e Cinelli del Vicenza restano caldi ed in cima alla lista.

DIARIO DI BORDO – Sul campo intanto è proseguito il lavoro pre ritiro con un menu diviso tra Giovino e Simeri: lavoro aerobico in pineta prima, esercitazioni tattiche sul sintetico della provincia poi. Domani in programma un giro visite di routine.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like