Un successo ben oltre la aspettative, di pubblico e partecipazione, quello ottenuto da Luglio Jazz! rassegna di musica jazz a Belluno, per la XXXII edizione 2021 dei Concerti in Villa e nelle Corti del Circolo Culturale Bellunese. E dunque non poteva mancare un evento finale in grande stile, domenica 25 luglio, al Teatro Comunale, con il concerto dei Kaimani del Piave Blues Band, ovvero Stefano Battorti, voce e basso, Ezio Maria Pàpes, voce, basso e armonica, Ruggero “Ruggi” Burigo, chitarra solista, Giovanni “John” Zanon, tastiere e Roberto Sommavilla, batteria.

Tutti in grandissima forma, pronti a celebrare con amici e pubblico i 40 anni di Blues and Rock ‘n’ Roll della band nata nel 1981, con super concerto a ingresso libero, per concludere al meglio una rassegna jazz che già molti appassionati chiedono sia riproposta l’anno prossimo.
Come sempre, prenotazione richiesta, presso Agenzia Alpe Bellunese: tel. 0437 940407, e-mail: info@alpebellunese.it. Misure anticovid e distanziamento. Si ricorda l’utilizzo della mascherina. Informazioni, programma completo di Luglio Jazz e note di sala sono sempre consultabili su: www.belcircolo.org.

Nato ad opera di Ezio Maria Papes, Roberto Sommavilla e Stefano Battorti come trio negli anni ‘80 per risposta al divagare della disco music che aveva spazzato via in un sol vibrante colpo tutti i tipi di musica eccettuato il liscio, il complesso Kaimani del Piave Blues Band ha rispolverato e riproposto la musica delle origini, appunto Blues e Rock ‘n’ Roll. Da allora, pur avendo avuto nel gruppo moltissimi musicisti, il nucleo originario è rimasto lo stesso, riproponendo con tenacia e dedizione la musica per cui esso nacque. Attualmente si avvale della maestria dei due solisti Ruggero Burigo alla chitarra elettrica e John Zanon alle tastiere. Passione e divertimento quindi per festeggiare assieme un quarantennale di musica immortale!

Share

L’articolo I Kaimani del Piave, domenica 25 luglio 2021 ore 18:00, al Teatro Comunale di Belluno proviene da Bellunopress – Dolomiti.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like