(ANSA) – NEW DELHI, 20 LUG – Le vittime indiane della pandemia potrebbero essere dieci volte più numerose dei dati ufficiali: è l’ipotesi della più ampia ricerca uscita sinora sulle drammatiche conseguenze del virus nel subcontinente indiano.

Lo sconvolgente studio reso noto oggi stima che le morti non contabilizzate da gennaio 2020 a giugno del 2021 siano dai 3 ai 4,7 milioni più numerose delle 414.000 dichiarate ufficialmente dal governo, la più terribile tragedia nella storia dell’India moderna.

“Le morti ammontano probabilmente a vari milioni e non alle centinaia di migliaia dei rapporti dei vari stati”, dice la ricerca, pubblicata da Arvind Subramanian, economista ed ex advisor economico del governo indiano, e da altri due ricercatori del Center for Global Development di Harvard.

L’analisi incrocia diversi elementi, dai decessi non contati negli ospedali e nei centri di cure primarie, in particolare durante il devastante picco della scorsa primavera, ai fattori demografici e alle aspettative di vita, all’incidenza del virus e ai tassi di positività riscontrati in sette grandi stati.

Oltre al numero sottostimato, la ricerca o di Subramanian e dei suoi colleghi ipotizza che anche la prima ondata del 2020 sia stata notevolmente più mortale di quanto si sia sempre pensato.

Il governo sinora ha contestato ufficialmente che i suoi calcoli siano sottostimati, ma la settimana scorsa, nell’ampia operazione di rimpasto del governo, il Premier Modi ha sostituito anche il ministro alla Salute. (ANSA).

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like