Riqualificare uno spazio urbano per adibirlo a luogo di cultura. E’ l’idea dell’associazione La Guarimba ad Amantea sul Tirreno Cosentino che ha messo in piedi un nuovo progetto di riqualificazione urbana. L’edizione numero 9 del festival dedicato al cortometraggio verrà accolta nel largo parcheggio adiacente all’ex Arena Sicoli, in via Elisabetta Noto 52, nel cuore della città, luogo che fino a qualche giorno fa versava in totale stato di abbandono e degrado, raccontano dal sodalizio. Grazie alla squadra de La Guarimba e ai volontari che hanno sposato il progetto, il parcheggio è stato rimesso a nuovo, pronto ad ospitare non solo il festival ma una grande opera murale con “Artists in residency”: 3 opere di 3 illustratori internazionali, Cesáh, nome d’arte di Paulo Albuquerque, artista brasiliano con base a Lisbona, Sara Fratini, co-fondatrice de La Guarimba, illustratrice e muralista venezuelana con base in Spagna, e Mikel Murillo, illustratore e fumettista spagnolo. «Il luogo utilizzato lo scorso anno, La Grotta, oggi, a causa della frana – dichiara La Guarimba –  è nuovamente chiuso e gli sforzi di una comunità si sono vanificati. Nonostante pressioni fatte alle istituzioni competenti, la situazione non si è ancora sbloccata. Noi abbiamo investito su un altro luogo degradato che trasformeremo in un’opera d’arte a cielo aperto da consegnare alla cittadinanza, grazie al contributo di Colorificio VR, che fornirà i colori per la realizzazione del murale».

Pronta a partire la 9a edizione de La Guarimba International Film Festival, dal 7 al 12 agosto, con un’anteprima il 6, ad Amantea. L’evento ideato da Giulio Vita e Sara Fratini è realizzato per il secondo anno consecutivo sotto l’alto patrocinio del Parlamento europeo in collaborazione con la Rappresentanza in Italia della Commissione europea. Anche l’edizione di quest’anno è stata insignita della Medaglia del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, lode conferita dal Capo dello Stato a iniziative ritenute di particolare interesse culturale ad espressione della sua ideale partecipazione all’evento. La selezione ufficiale presenterà 172 opere, di cui 94 dirette da donne, provenienti da 56 paesi di tutti i continenti: 5 paesi africani, 13 asiatici, 28 europei, 9 americani, 1 oceanico. In cartellone le sezioni speciali “El Guayabo”, dedicata alla Diaspora Venezuelana, “Focus Lituania”, un programma ideato insieme a Lithuanian Shorts, “A screen for Glas Animation”, che ospiterà i corti del festival di animazione californiano, e una programmazione dedicata ai piccoli spettatori realizzata con Unicef Italia. «Un festival che ha l’obiettivo di portare avanti tematiche sociali di rilievo, prima dei grandi nomi del cinema, per sostenere produzioni di giovani artisti indipendenti e aprire riflessioni sul presente. Un progetto che diventa modello di buone pratiche per lo sviluppo del tessuto sociale, civico e culturale della città».

Redazione

 

 

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like