L’avvocato Consuelo Locati, che guida il pool dei legali dei parenti delle vittime impegnati nella causa civile contro il Governo e la Regione Lombardia, ha definito “uno schiaffo morale e indecente ai familiari” il caso della Commissione parlamentare d’inchiesta Covid.

Dopo gli emendamenti presentati da alcuni deputati nelle Commissioni affari esteri e affari sociali e approvati lo scorso 8 luglio, infatti, la Commissione dovrebbe occuparsi solo di quanto accaduto prima del 30 gennaio 2020, il giorno precedente alla dichiarazione d’emergenza nazionale, solo in relazione alla Cina e senza prendere in considerazione il ruolo dell’Oms.

Per manifestare il proprio malcontento, i familiari delle vittime del virus scenderanno in piazza a Bergamo sabato 31 luglio alle ore 10.30

“Dopo avere letto quanto emerso per la farsa della commissione d’inchiesta e il post denuncia del consulente dell’azione civile, Robert Lingard, come familiari delle vittime abbiamo deciso di fare sentire la nostra presenza davanti al Comune di Bergamo”, ha spiegato Locati.

“Riteniamo infatti inaccettabile quanto letto – prosegue – . Ma soprattutto riteniamo inaccettabile che il sindaco della città più colpita stia in silenzio di fronte a quanto di vergognoso avvenuto nei giorni scorsi proprio in Parlamento in merito alla commissione d’inchiesta.

Una vergogna che coinvolge due deputati bergamaschi come Elena Carnevali e Alberto Ribolla. Ma anche l’onorevole Lia Quartapelle. Uomini e donne che dovrebbero pretendere la verità a tutti i costi e che invece si sono dimostrati capaci di prestarsi a tale gioco”.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like