Generico luglio 2021

Spesso si pensa che il tempo libero e lo svago siano tempo perso, senza considerare che soprattutto per alcune fasce di età questo tempo è identificato come un diritto. Ed è proprio in tale direzione che i minori ospiti delle strutture di Città Solidale hanno trascorso undici giorni in montagna, nella cornice di San Giovanni in Fiore, per vivere i momenti che caratterizzano, o almeno dovrebbero, la vita di ciascun bambino o ragazzo indipendentemente dalla propria condizione. Undici giorni in cui un percorso strutturato dagli educatori ha aiutato 25 minori a riflettere sul concetto di libertà, uno dei doni più preziosi che l’essere umano possiede e che assume un sapore diverso per chi vive in una comunità, e per chi ne ha visto un’ulteriore limitazione a causa della pandemia.

Le attività, i video, i giochi, le escursioni hanno avuto come fil rouge il concetto di libertà, quella fatta di scelte, anche creative. I ragazzi hanno riflettuto sul fatto che essere liberi non vuol dire vivere senza regole, ma si è liberi di vivere quando si è in grado di relazionarsi con gli altri, rispettando le regole della comunità, della convivenza.

L’esperienza del campo estivo è stata una prova tangibile, uno spazio in cui vigono regole non scritte ma che consentono a ciascuno di esprimersi nel rispetto altrui, un’esperienza in cui ognuno ha potuto dimostrare le proprie attitudini, cimentarsi in nuove avventure ma, soprattutto, sperimentare diverse forme di libertà. Il clima è stato partecipativo e sereno e ciò ha chiarito ulteriormente che la libertà è il propulsore della vita, che dispone le radici per il futuro, attraverso le varie possibilità che la società ci offre. Ebbene si è proprio questo quello che emerge da questa esperienza in quanto l’opportunità è stata realizzabile grazie ad una parte della società sensibile, quella che attraverso l’amore per il calcio, la fede per una squadra ha reso possibile tutto questo.

È stato grazie al ricavato dell’asta di beneficenza, in cui sono state battute le maglie dell’U.S. Catanzaro, che il cuore ROSSO di giovani uomini e giovani donne ha potuto continuare a battere per l’emozione di una nuova esperienza, sotto il sole GIALLO e caldo di un’estate di ripartenza. Non resta che urlare in CORO, immaginandoci in curva, “Grazie US Catanzaro, grazie ai tifosi Giallorossi”!

 

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like