SASSARI. L’isola le sta a cuore e lo ha dimostrato già da un pezzo. L’ultima volta, quando l’hanno chiamata in piena pandemia, non ha esitato a mettere la sua immagine a disposizione per raccogliere fondi utili ad acquistare macchinari per gli ospedali e aiutare le famiglie in difficoltà.E così, anche questa volta, Elisabetta Canalis si è rimessa in corsa con la Dinamo Banco di Sardegna. Questa volta al servizio di una campagna di raccolta fondi per ridare ossigeno ai territori dell’Oristanese divorati dagli incendi. La showgirl e attrice sassarese si sta preparando al ritorno in tv – appuntamento dal primo settembre alle 17.30 su Tv8 con “Vite da copertina” – ma negli ultimi giorni è rimasta molto colpita dall’apocalisse di fuoco che ha sconvolto l’isola. Tra l’altro la sua famiglia è ben radicata nell’Oristanese.

«Io ho casa a Tresnuraghes – racconta Elisabetta Canalis – come anche la mia famiglia, ho zii e nipotini che vivono lì. Sono rimasta spiazzata perché questa cosa mi riguarda anche personalmente, non soltanto da sarda». «La mia famiglia – aggiunge – ha perso campagne e vigneti. Le fiamme hanno divorato anni di lavoro e passione di mio padre e mio fratello. Questa cosa ci ha lasciati molto amareggiati. E poi c’è tanta gente che sta soffrendo, che si è indebitata per avviare aziende e ora ha bisogno di aiuto».L’incontro con la Dinamo è semplicemente un bis. La showgirl e il presidente Stefano Sardara hanno già lavorato insieme in piena pandemia raccogliendo molti soldi.

«È stata una cosa molto trasparente – riprende la showgirl – e quando Stefano mi ha contattata non ho esitato. Sentivo che dovevo fare qualcosa per la mia terra e questa è stata l’occasione giusta».Il club con la sua Fondazione, da sempre in prima linea per la promozione della Sardegna e attento alle esigenze dell’isola, ancora una volta supporterà la sua terra affiancato da Geppi Cucciari e la Canalis, madrine del club e fiere rappresentanti della Sardegna in Italia e nel mondo. Chiunque voglia contribuire alla raccolta fondi potrà fare un bonifico alla Fondazione Dinamo tramite l’Iban IT41J 01015 17200 0000 70314705 causale “Donazione emergenza incendi” oppure versare la cifra desiderata anche attraverso l’e-commerce biancoblu all’indirizzo dinamostore.it. Vista l’urgenza di fondi le donazioni verranno devolute secondo il fabbisogno indicato dai comuni colpiti seguendo le regole già utilizzate per l’emergenza Covid. «Io credo che sia necessario aiutare le persone a lavorare per ripartire – sottolinea ancora Elisabetta Canalis -. Certo, ci sono situazioni particolari che richiedono interventi immediati. E poi io ritengo molto importante anche aiutare gli animali».

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like