Campobasso, Molise

Effettuata l’autopsia, giovedì i funerali del camionista morto carbonizzato nel tir

foto ansa incidente nel Milanese muore camionista di Trivento

Farà ritorno a Trivento nelle prossime ore la salma di Roberto Florio, il camionista deceduto lo scorso 7 settembre vicino Milano. Nelle scorse ore sul suo corpo è stata eseguita l’autopsia che consentirà di chiarire ancora meglio cosa è avvenuto quella mattina, se ci sono possibili concause che potrebbero avere avuto un ruolo nella morte del 49enne, che si trovava nella zona industriale di Cambiago in quella che sembrava una normale giornata di lavoro.

Ci sarebbe stata una mancata precedenza che, stando alle cronache di alcuni quotidiani locali, potrebbe aver provocato l’impatto con l’auto guidata da una donna di 44 anni rimasta ferita. Lo scontro tra via Castellazzo e via delle Industrie è stato drammatico per l’autista molisano: il mezzo pesante che guidava ha preso fuoco, le fiamme hanno avvolto prima la cabina del mezzo e poi il rimorchio. Roberto è deceduto carbonizzato nel tir. Una morte atroce: i soccorsi dei vigili del fuoco e del 118 sono stati inutili. Sul posto anche i Carabinieri e la Polizia stradale.

Camion prende fuoco dopo scontro con auto: autista di Trivento muore carbonizzato

Giovedì 16 settembre la comunità triventina darà l’ultimo saluto al camionista che ha lasciato la moglie e due figli: stanno vivendo giorni di atroce dolore e di angosciante attesa. Dalla notizia della morte del 49enne al suo rientro in paese sono trascorsi sette lunghi giorni: prima di essere restituita alla famiglia, infatti, sulla salma è stato svolto l’esame autoptico.

Sono giorni di lutto e dolore per tutta Trivento, Roberto era conosciuto in paese per essere un gran lavoratore, disposto a sacrificarsi e a fare tanti chilometri a bordo del suo tir. I funerali si svolgeranno alle 15 in Cattedrale. E probabilmente in concomitanza delle esequie alcuni colleghi di lavoro si ritroveranno per un saluto al passaggio del feretro.  (SP)

(foto ansa)

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *